Notizie

A Cisterna di Latina il secondo appuntamento di “Solo per chitarra”

L’originale kermesse, giunta alla sua sesta edizione, si svolgerà presso la Sala Zuccari di Palazzo Caetani; saranno presenti una nutrita serie di talenti vecchi e nuovi del panorama chitarristico nazionale



Image titleL’Assessorato alla Cultura e allo Sport – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con il Patrocinio del Comune di Cisterna di Latina ed in collaborazione con l’Accademia di alto perfezionamento Musicale Roma Castelli, l’Associazione culturale Colle Ionci, l’Associazione chitarristica dei Castelli Romani e l’Associazione culturale LiberaMente ha predisposto una serie di appuntamenti che, a partire da domenica 25 ottobre, si svolgeranno presso la Sala Zuccari del Palazzo Caetani a Cisterna di Latina. Si tratta in realtà del secondo appuntamento della sesta edizione di “Solo per Chitarra” una rassegna concertistica che vede quale protagonista assoluta la Musica eseguita attraverso la chitarra classica. La rassegna si compone di una serie di partecipazioni eccellenti: vi prenderanno parte una serie di artisti di livello nazionale oltre che nuovi, giovanissimi talenti del panorama chitarristico italiano (Andre Pace e Cristiano Poli Cappelli, già alla direzione artistica, nonché Rossano Evangelisti, solo per citarne alcuni). L’occasione sarà propizia per presentare una serie di lavori decisamente innovativi ed originali. Domenica prossima allora, nel corso della seconda data della manifestazione a Palazzo Caetani, a partire dalle ore 17.30 si esibiranno Salvatore Fortunato, Duo De Angelis – Federici e Michele Di Filippo, con musiche di Rodrigo, Barrios, Rossini, Castelnuovo-Tedesco e Di Filippo. Gli incontri inoltre proseguiranno nel prossimo mese: l’8 novembre sarà la volta di Angelo Marchese su  musiche di Bogdanovic, Gilardino e Bach mentre domenica 22 novembre, ore 17.30, 14 Strings Duo, con Tiziano Palladino al mandolino ed Isidoro Nunes alla chitarra, con musiche di Rossini, Beethoven, Munier e De Falla. Ancora un’occasione dunque di grande rilievo e prestigio per le associazioni culturali e le piccole realtà urbane che contraddistinguono le province gravitanti intorno alla Capitale: appuntamenti fatti di impegno raffinato, dedizione e cura estrema dei particolari, che permettono di ravvivare e rendere più effervescente il panorama culturale ed artistico della regione.