Notizie

A Piansano è tutto pronto: nel week end si festeggia la Madonna del Rosario

Martufello sarà la principale attrazione che animerà la parte civile dei festeggiamenti, andando ad affiancare i secolari riti religiosi le cui origini affondano nella storia secolare del piccolo borgo nel viterbese



© - www.comune.piansano.vt.it

Prende avvio questo fine settimana una delle feste più graziose della provincia di Viterbo, ossia quella dedicata alla Madonna del Rosario di Piansano, un borgo stupendo dove la bellezza del posto, conservatosi intatto nel corso del tempo e l’amore verso le proprie tradizioni rendono l’atmosfera che si respira nel corso di tale appuntamento assolutamente unica ed impareggiabile.


Una tradizione antica. Il culto nei confronti della Vergine in Piansano iniziò presumibilmente nel tardo medioevo con l’erezione di un altare, mentre nel 1608 fu costituita la più antica Confraternita del paese, dedicata alla Madonna del Rosario. In realtà, la vera svolta devozionale arrivò nel secolo successivo, quando il curato Nicolò Fanti fece eseguire una immagine della Madonna dalle suore del monastero romano di S.Maria Maddalena a Monte Cavallo: un manichino dal corpo ligneo e dalle mani ed il capo in cartapesta. La Vergine, raffigurata come seduta in trono, ha il Bambino sul braccio destro, nella mano sinistra regge un mazzo di rose mentre entrambe le teste sono ricoperte da capelli veri. A partire da metà settecento nacque invece l’usanza di occuparsi della vestizione del simulacro: tale privilegio fu prima affidato ad una famiglia del paese e poi, dall’ottocento, alle Maestre pie con la partecipazione di alcuni fedeli. Tale usanza prese talmente piede che già nel 1772 l’immagine possedeva ben quattro abiti preparati in stoffe preziose e rifiniti in lamina d’oro. La venerazione si accrebbe quando nel 1855 fu attribuita alla Madonna la cessazione dell’epidemia di colera e quando nel 1863 la statua ricevette l’onore di una incoronazione solenne, tramite Bolla dell’allora Papa Pio IX. Dal 1856 iniziò il rituale dell'Ascesa dell’immagine - attraverso un congegno che innalza il simulacro ben oltre il piano dell’altare maggiore – che ogni anno dà il via ai festeggiamenti; un appuntamento irrinunciabile e sentitissimo al punto che, quando nel 1933 il Vescovo del tempo  tentò di eliminarlo, incorse nelle ire della popolazione che, con falci e forconi, lo costrinse prima a barricarsi in chiesa e successivamente a lasciare il paese attraverso una porta di servizio. Grazie a tale episodio, il rito di apertura dei festeggiamenti si è mantenuto intatto fino ad oggi


Il programma della festa. Il ricco carnet di appuntamenti in programma per l’edizione 2015 vede impegnati in prima linea il Comitato festeggiamenti e la classe 1965 dei piansanesi: oggi 1 ottobre alle 17, processione della mini Macchina della Madonna del Rosario ed alle 19, in Piazza L. Burlini, Apericena con tuzzichini e aperitivo per tutti ed intrattenimento musicale, mentre alle 21.30 nel salone parrocchiale, serata con le più belle canzoni degli anni ’60, ’70 e ’80. Domani, venerdì 2 ottobre, dalle 14 si disputeranno le finali dei tornei di bocce presso il Centro anziani mentre in Piazza Burlini, a partire dalle 18 scatterà la vendita dei tortelli piansanesi, cui seguirà l’uscita per le vie del paese della Tuscia Band. Sempre domani, alle 19.15 il momento più atteso: dopo il rosario avverrà la cerimonia di Ascesa della Madonna del Rosario, cui parteciperà il vescovo di Viterbo Lino Fumagalli. A seguire, alle 21.30 in Piazza Lucia Burlini, serata danzante mentre alle 22.30, presso la nuova Sala Congressi, serata di tecno music. Sabato 3 ottobre, a partire dalle 8, Piansano entrerà nel vivo della festa con la tradizionale Fiera e, per chi vorrà, ci sarà la possibilità di una Donazione del sangue presso l’Avis di Via Etruria. Alle ore 10 in Piazza Lucia Burlini Raduno motociclistico “Memorial Ernesto Sostena” mentre dalle 15.30 alle 20, pomeriggio in allegria per grandi e piccini con stand vari in diversi punti della cittadina. In chiesa invece, dalle 15 alle 16.30, verranno distribuiti i ceri votivi mentre alle 17.30 si esibirà la Corale “T. Imperiali” con la presenza straordinaria del maestro d’organo Luca Purchiaroni di Tarquinia. Alle 20 si terrà la Cena nel cuore di tufo con i ragazzi del 1965 (il cui accesso avverrà solo su prenotazione e fino ad esaurimento posti; per prenotazione telefonare al cell. 3453543181 Ernesto, oppure 3338597873 Sandra; in caso di maltempo la cena verrà spostata presso la palestra polivalente di Piansano). Domenica 4 ottobre, al mattino la sveglia con i botti pirotecnici e l’uscita per le vie del paese della Tuscia Band. Alle 10.30 Messa solenne ed a seguire processione per le principali vie; alle 17.30 spettacolo di intrattenimento in Piazza Burlini con il comico Martufello, che racconterà “40 anni di risate”. Alle 19 tombola da € 1.500,00 ed infine alle 22.30 giochi pirotecnici presso il campo sportivo con un gran finale a base di cornetti caldi presso il mattatoio comunale, per salutare degnamente la conclusione dei festeggiamenti.