Notizie
Categorie: Nazionali

A Vicenza la mostra organizzata dall'AIC “Eroi del calcio – Storie di calciatori”

Ieri all'inaugurazione ha partecipato anche il presidente della Figc, Carlo Tavecchio. Oggi l'apertura al pubblico



Image titleUn viaggio nella storia del nostro calcio, un tributo a tanti campioni del passato per raccontare anche ai più giovani partite e gol diventati leggendari. E’ stata inaugurata ieri e da oggi sarà aperta al pubblico “Eroi del calcio – Storie di calciatori”, la mostra organizzata dal sindacato dei calciatori e dal suo storico fondatore e attuale presidente onorario Sergio Campana in collaborazione con il Comune di Vicenza. Ieri sera a  Vicenza, a tagliare il nastro nella Basilica Palladiana, c’era anche il presidente federale Carlo Tavecchio, che ha voluto rendere omaggio all’ideatore della mostra: “Con la nascita del sindacato di categoria – ha sottolineato Tavecchio – Campana ha consentito al calcio di crescere in questi decenni". La mostra, che resterà aperta sino al 12 ottobre e dal 2015 sarà ospitata in altre città italiane, permette di osservare da vicino maglie e trofei storici, compresa la Coppa del Mondo conquistata nel 2006 dalla Nazionale di Marcello Lippi. Tra i cimeli esposti anche una riproduzione della Coppa Rimet vinta nel 1950 dall'Uruguay al Maracana, la maglia dell'Italia color nero indossata da Giuseppe Meazza durante il periodo fascista e quella di Pelè regalata alla Regina d'Inghilterra. Ci sono poi maglie e scarpini di campioni di tutti i tempi: da Maradona a Roberto Baggio, da Platini e Van Basten, da Zico a Buffon. C’è il Pallone d'Oro vinto da Paolo Rossi e non mancano doverosi tributi per i Campioni del Mondo dell'Italia del 1934 e 1938 e per il "Grande Torino", con la valigia, la maglietta azzurra e il pallone di Valentino Mazzola.  Spazio anche ad alcune leggende del calcio internazionale, con i cimeli di campioni come Franz Beckenbauer, George Best, Bobby Charlton, Johan Cruijff, Di Stefano, Eusebio, Garrincha, Kevin Keegan, Raymond Kopa e Lev Yashin.