Notizie
Categorie: Altri sport

A1 - Pareggio eroico per la Lazio: 7-7 al Foro Italico

Un segno X che sa di vittoria in casa biancoceleste: la formazione capitolina rimonta 3 gol in un solo minuto all'Acquachiara



 LAZIO NUOTO - ACQUACHIARA 7-7

LAZIO NUOTO Radic , Ferrante M. , Colosimo F. 1(1 rig.), De Vena W. , Vitale A. , Di Rocco L. 1, Giorgi D. , Cannella G. 1, Leporale M. 1, Lapenna F. 2, Maddaluno R. 1, Mele A. , Vespa L. ALLENATORE Vittorioso

CARPISA YAMAMAY ACQUACHIARA Volarevic G. , Luongo M. 1, Rossi S. , Korolija M. , Marziali L. , Caccavale C. , Lanzoni G. , Aiello M. , Gitto M. 1, Luongo S. 3, Valentino G. 1, Perez A. 1, Lamoglia ALLENATORE  Crescenzo 

ARBITRI Castagnola e Colombo


Nella prima giornata di campionato di serie A1 la Lazio pareggia 7-7 contro l'Acquachiara al termine di una rimonta entusiasmante. Gli uomini di Vittorioso sotto di tre gol a settantacinque secondi dalla fine sono riusciti a compiere un'impresa frutto della caparbietà di un gruppo apparso subito unito: La Penna, Cannella e Di Rocco in un minuto Giorgi (Lazio)hanno riagguantato una partita che sembrava ormai persa. Ottima la prova dei "nuovi" Zdravko Radic, autore dell'assist decisivo, di Daniele Giorgi e di Federico La Penna. Bene anche i giovani della "cantera" biancoceleste Marco Ferrante, William de Vena e Alessandro Vitale, al debutto assoluto nella massima serie. 


La partita I biancocelesti iniziano subito con il piede giusto grazie al rigore realizzato da Federico Colosimo dopo due minuti. Nel secondo quarto emerge l'Acquachiara che pareggia con Michele Luongo. Proprio La Penna riporta avanti la Lazio, ma prima di andare al riposo lungo, i napoletani ribaltano la situazione con le reti di Valentino e Stefano Luongo. Negli ultimi due quarti, gli uomini di Paolo De Crescenzo danno l'impressione di poter chiudere la gara con due gol ancora di Stefano Luongo, poi con le reti di Matteo Gitto e di Perez (2-6). Ma qui inizia la rimonta. Matteo Leporale e Raffaele Maddaluno suonano la carica (4-6). Valentino sembra chiuderla a due minuti dalla fine (4-7), ma è proprio in quel momento che le aquile spiccano il volo e trovano l'insperato pareggio.


La soddisfazione delle aquile A fine partita, è entusiasta Federico La Penna: "Sapevamo fosse difficile, l'Acquachiara è una squadra attrezzata che punterà ad arrivare in finale, ci abbiamo creduto fino all'ultimo secondo e questa è la cosa importante. Il risultato di 6-2 non era giusto. Radic è stato il migliore in campo. Abbiamo avuto un cuore stratosferico, è un pari che vale come una vittoria. Sappiamo che quest'anno sarà molto difficile, stiamo lavorando, Radic (Lazio)siamo un gruppo giovane e i margini di miglioramento sono tantissimi. Non sarà facile per nessuno affrontare la Lazio, a fine stagione vedrete una pallanuoto ancora piu' bella. Sabato prossimo affronteremo il Recco, poi il 10 ottobre al Foro Italico avremo di fronte il Sori: una partita che sarà per noi fondamentale. L'Acquachiara aveva paura di giocare qui e si e' visto, daremo del filo da torcere a tutti".Molto soddisfatto anche il tecnico Antonio Vittorioso, alla prima in assoluto in panchina: "Sul 2-6 è girata la partita. Nel momento della disperazione, siamo riusciti a recuperare. Abbiamo cambiato qualcosa dopo il 3-6, abbiamo fatto piu' pressing. Ho chiesto ai ragazzi di combattere. Ho detto nè vittoria nè sconfitta. Dobbiamo continuare a giocarci le partite fino in fondo, per le altre sarà difficile quando verranno qui. Ho visto tante cose positive, complimenti ai ragazzi che alla fine erano stremati. Possiamo crescere ancora. i giovani si sono comportati bene, ce l'hanno messa tutta, tra tre-quattro mesi saranno ancora più pronti".