Notizie
Categorie: Altri sport

A2 - Attilio Caja è il nuovo allenatore della Virtus Roma

​Si è svolta stamattina, alle ore 11.00, presso la sala stampa del Palazzetto dello Sport, la presentazione del nuovo coach della storica società capitolina



Attilio Caja nuovo tecnico della Virtus RomaSi è svolta stamattina, alle ore 11.00, presso la sala stampa del Palazzetto dello Sport, la presentazione del nuovo allenatore della Virtus Roma, Attilio Caja. Il tecnico di Pavia, come ha tenuto a precisare il presidente Claudio Toti, è stata la prima ed unica scelta della dirigenza a seguito della risoluzione del rapporto con Guido Saibene, resasi necessaria per dare una scossa alla squadra dopo il disastroso avvio di stagione (quattro sconfitte nelle prime quattro giornate in Serie A2). Per Caja si tratta di un gradito ritorno alla guida della società capitolina, già allenata dal 1994 al 1999 (quattro volte ai playoff in Serie A1, semifinale di Coppa Korac nel ’98) e dal 2000 al 2002, in cui ha raggiunto entrambe le volte i playoff e ha conquistato una Supercoppa Italiana. Caja ha sottoscritto un contratto biennale, indice di grande fiducia nei suoi confronti e della volontà da parte della dirigenza di dare una prospettiva di futuro al club. Martedì pomeriggio il nuovo coach ha subito diretto il primo allenamento, trovando “una squadra in difficoltà dal punto di vista dell’autostima e dei risultati ma con grande disponibilità e volontà di fare”. Nessuno stravolgimento in vista del confronto casalingo di domenica prossima contro Casalpusterlengo, dove i capitolini saranno chiamati alla prima vittoria stagionale: “dal punto di vista tecnico mi appresto ad affrontare questa squadra come un professore che deve correggere un tema”, questa la ricetta del nuovo allenatore. Non c’è tempo per ricostruire ex novo, bisogna ripartire dalle cose positive per poi modificare le imperfezioni e trovare i giusti automatismi. Per uscire da questo momento difficile è necessario lavorare in un clima di massima serenità: “dateci un po’ di fiducia e vi sarà ripagata con gli interessi nel miglior modo possibile”. Caja si è detto tranquillo e fiducioso di poter fare un buon lavoro e di riportare la Virtus a giocare quella pallacanestro piena di entusiasmo, intensità ed aggressività che negli anni passati ha portato il pubblico romano a riempire il Palazzetto: “non è importante la categoria, il livello del campionato o la posizione in classifica, conta quello che trasmetti in campo”. Con 283 presenze Attilio Caja è il coach che con la Virtus ha totalizzato più panchine in campionato: facendo leva su tutta la sua esperienza e sul suo attaccamento all’ambiente dovrà raddrizzare una stagione partita come peggio non poteva e restituire alla Virtus la posizione che merita.