Notizie
Categorie: Altri sport

A2 - Omia, prova di carattere nel triangolare

La formazione di Cisterna ha sfidato alla Ramadù la Volalto Caserta e la Clendy Aversa



Una fase del torneo (foto ©Rogato)La scorsa domenica è andato in scena presso la palestra del “Ramadù” di Cisterna un importante torneo di pallavolo femminile disputato tra le squadre della OMIA Cisterna, Volalto Caserta e Clendy Aversa, partecipanti tutte al prossimo campionato di serie A2.Il primo match ha messo di fronte le due squadre campane, in un derby nella quale nessuna delle due ci teneva a perdere e che è stato giocato con impegno e determinazione da tutte le atlete in campo: alla fine ad esultare è stata Caserta che ha vinto in rimonta 2 a 1.Nella seconda partita è andata in scena la squadra di casa della OMIA Cisterna che se l’è vista contro la perdente del precedente match, Aversa. La OMIA, è scesa in campo priva della sua schiacciatrice Roberta Liguori che in fase di riscaldamento ha avuto un piccolo problemino fisico ed ha preferito non rischiare. Il primo set dopo un deciso allungo da parte delle aversane, ha visto le ragazze di coach Droghei rifarsi sotto e rosicchiare punto su punto alle avversarie, fino ad avere a disposizione 2 set point a disposizione senza sfruttarli e consentendo poi ad Aversa di chiudere ai vantaggi, 29-27 il set con un muro della Manfredini. Negli altri due set la Omia, prese le distanze, iniziava a fare gioco e trovare gli attacchi decisivi, portando tre ragazze in doppia cifra nel computo dei punti finali quali la Moreno, Bertaiola e Barboni, ma soprattutto dobbiamo dire che ciò che ha mandato in crisi le aversane è stato il servizio delle cisternesi, subito troppo in fase di ricezione cosa che ha permesso alla OMIA di chiudere gli altri due set sul 25-18 e 15-12, andando a giocarsi la vittoria del torneo nella partita contro la Volalto Caserta.Nell’ultimo match la OMIA calava un po’ nel ritmo, forse a causa della stanchezza dovuta ai carichi di lavoro e Caserta aveva praticamente campo libero, grazie anche alla maggiore esperienza di giocatrici quali la Percan e Gabbiadini, molto spesso a segno nei loro attacchi.La OMIA comunque ha lottato su ogni pallone, le ragazze hanno messo il loro massimo impegno senza mai darsi per vinte, cercando sempre di rimanere attaccate al match, ma Caserta non concedeva molto e andava a chiudere i set con i punteggi di 25-18 e 25-22 aggiundicandosi di fatto il torneo.In casa OMIA ora si guarda con fiducia a quanto fatto di buono nei due incontri, il carattere non manca di certo alle ragazze e lo hanno dimostrato, nei giorni che rimangono all’inizio del campionato si lavorerà ancora in palestra per cercare di affinare meglio quelle sbavature che coach Droghei avrà evidenziato e fare in modo di trovare ancora di più un’amalgama ottimale.