Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Accademia, due partite per restare nel giro che conta

La chiusura dell'andata potrebbe essere decisiva per il team di Papotto: Ladispoli e Savio crocevia stagionali



Nel giro di soli 5 minuti la zona play off del girone A ha vissuto un cambiamento molto importante. Cinque minuti ideali, quelli che legano l’ 87’ del Paglialunga in cui il Tor di Quinto ha frenato contro il Fregene (minuto in cui è stato negato un rigore clamoroso alla formazione di Vergari) ed il 92’ dell’Academy Sport Center, quando Mariotti ha gelato l’Accademia Calcio Roma con il gol che è valso il 3-2 per il Certosa. I neroverdi sono, al momento, la sesta forza del campionato, con un buon margine sulle inseguitrici e a -1 dal quinto posto del Ladispoli, limite massimo con cui andremo a valutare gli incroci per la corsa alle finali. 
Accademia Calcio Roma (foto ©DelGobbo)Lascia o raddoppia? Se il rigore doveva essere comunque necessariamente messo a segno per far rimanere invariate le distanze tra la vetta ed il Grifone, il 2-3 con cui si è chiusa la sfida di via di Settebagni è un fatto a sé stante che ha determinato una situazione critica, spinosa, dalla quale uscire al meglio per continuare a sperare. L’Accademia incontrerà nelle prossime due uscite stagionali prima il Ladispoli, al Marescotti e reduce da una striscia di 4 vittorie consecutive, poi il Savio, in casa. Un crocevia davvero importante, non soltanto nell’immediato, ma anche per il futuro, vista la situazione di classifica tra le prime 5 del girone. Al momento la formazione di Papotto è l’unica ad aver disputato solamente 2 dei 4 scontri diretti tra queste, mentre le altre hanno già toccato quota 3. Il parziale vede il Tor di Quinto in testa anche in questo caso (ma dovrà giocare senza Porfiri, Verzari e forse D’Andrea il big match del Villa dei Massimi), seguito dal Grifone (per differenza reti) e poi dal Ladispoli che in 270’ ha messo dentro 4 punti. L’Accademia segue a 3, poi arriva il Savio ad 1. Ed è qui la chiave di tutto. I bianconerazzuri dovranno difendere e contrattacare con efficacia per difendere la loro posizione ed evitare di pagare un passivo pesante a fine stagione. Per come si sta strutturando il girone solamente il Certosa può provare a rientrare: in 6 per 3 posti, con un un piazzamento al Tortora che sarebbe quanto di più amaro possibile in caso di beffa dovut agli scontri diretti. Le due gare dello stesso tenore disputate, però, hanno dimostrato una sorta di difficoltà nell’approccio e nella gestione del match. Lo stesso può essere riferito anche all’ultimo ko incassato. Contro il Tor di Quinto l’Accademia disputò una grande ripresa, ma all’inizio ebbe un po’ di soggezione, contro il Grifone è stata quasi surclassata. Caratteristica che può essere davvero nociva in una situazione già delicata e che rischia di incrinarsi pericolosamente. Serve una squadra realmente capace di beffare la concorrenza. La classifica parziale tra le 5 (disponibile qui sotto) dice questo. Chiudere in fondo ora potrebbe rendere la vita complicata domani. 

Tor di Quinto      6     3     7     2 

Grifone M.            6     3     6      3 

Ladispoli                4     3     4     7 

Accademia           3     2     2     4*due partite in meno

Savio                        1     3     3     4