Notizie

Acea per Roma, 450000 euro a progetti per la qualità della vita nei Municipi

I cittadini possono inviare le loro proposte per servizi e attività da realizzare a favore del proprio municipio, i progetti saranno finanziati con una somma non superiore a 30mila euro ognuno



Image titleFino al 30 aprile sul sito di Acea i cittadini possono inviare le loro proposte per servizi e attività da realizzare a favore della comunità residente nel proprio municipio: iniziative di tipo sociale, formativo, culturale, di inclusione per gli abitanti del territorio, piccoli interventi di riqualificazione di spazi pubblici come biblioteche, teatri, centri culturali, attrezzature sportive, ludiche, aree verdi, centri anziani. L’iniziativa è di Acea che seleziona i progetti e li finanzia con una somma non superiore a 30mila euro per ognuno dei 15 Municipi romani. 

Il bando “Acea per Roma” è stato presentato in Campidoglio dal sindaco Ignazio Marino e dalla presidente di Acea, Catia Tomasetti. "Ringrazio la Presidente Tomasetti e Acea SpA per questo importante progetto – ha detto il Sindaco. “Un dono alla nostra città, ma anche un esempio di come, nell’ottica di un rapporto virtuoso, sia possibile e auspicabile creare sinergie tra istituzioni, aziende e cittadini”. "Con questo bando – spiega la presidente dell’azienda - intendiamo dare un segnale importante di vicinanza alla città di Roma”. “Da oltre un secolo Acea - prosegue - è parte integrante della storia e della vita della Capitale. Per questo vogliamo fare la nostra parte per realizzare degli interventi di qualità urbana, suggeriti dai romani per i romani. Nessuno meglio dei cittadini può sapere cosa sia necessario fare per migliorare la vita del proprio quartiere”. I progetti saranno giudicati da un'apposita commissione e le graduatorie di quelli selezionati pubblicate online entro il 30 maggio. "Le linee guida che seguiremo per la selezione dei progetti – ha spiegato la presidente Acea - saranno la durevolezza nel tempo dell'iniziativa e la fruibilità da parte del maggior numero possibile di persone". I progetti saranno realizzati entro la fine dell’anno. Per ogni municipio si possono finanziare più progetti (entro un massimo di 30 mila euro) e, al contrario, il finanziamento non utilizzato da un municipio potrà essere dirottato su un altro.“30 mila euro possono sembrare pochi – ha sottolineato Marino – ma possono diventare molti se c'è da mettere a posto le altalene in un parco o se c'è da fare un intervento per adeguare i marciapiedi alle esigenze dei disabili”. “Sono certo – ha aggiunto - che la fantasia e la creatività dei romani produrranno idee più brillanti di quelle che possiamo immaginare".L’iniziativa si rivolge proprio ai cittadini, infatti non potranno proporre progetti, tra gli altri, i partiti politici, le organizzazioni sindacali o di patronato, le associazioni di categoria o datoriali, le persone fisiche che ricoprono cariche elettive presso enti o istituzioni pubbliche e gli enti o associazioni a scopo religioso.