Notizie

Acea per Roma: circa 800 idee di riqualifica dai cittadini

Le proposte ricevute riguardano spazi pubblici, biblioteche, teatri, centri culturali e sportivi, aree verdi. Ogni progetto può accedere ad un contributo di massimo 30.000 euro



Image titleSono esattamente 778 le proposte inviate da cittadini e associazioni a seguito della campagna di ascolto Acea per Roma, avviata lo scorso 20 febbraio per servizi e attività da realizzare a favore della comunità residente nel proprio municipio: proposte di tipo sociale, formativo, culturale, di inclusione per gli abitanti del territorio, piccoli interventi di riqualificazione di spazi pubblici come biblioteche, teatri, centri culturali, attrezzature sportive, ludiche, aree verdi, centri anziani.

L’iniziativa attivata dalla multiutility capitolina e realizzata con il patrocinio del Campidoglio, finanzia i progetti con una somma non superiore a 30mila euro per ognuno dei 15 Municipi, per un contributo complessivo di 450mila euro. 

Il Municipio con più progetti risulta essere il I, con 88 proposte, seguito dal II con 71. In terza posizione il VII Municipio con 69 progetti. In generale, circa il 75% delle proposte è giunto dai quartieri periferici. “I cittadini – spiega Acea - hanno dimostrato un’ottima capacità progettuale e volontà di partecipazione”. Per quanto riguarda la tipologia dei soggetti proponenti, i progetti sono così suddivisi: 174 quelli presentati da singoli cittadini, 604 da associazioni, cooperative, comitati di quartiere e scuole. 

Diversi i campi di applicazione toccati: servizi alla persona nel 60% dei casi, come ad esempio iniziative legate all’integrazione di fasce socialmente più deboli (disabili, anziani, ospiti di case famiglia, detenuti) oppure attività dedicate al sostegno per le famiglie. Il rimanente 40% invece riguarda la riqualificazione di aree urbane e/o l’acquisto di materiali per scuole, biblioteche, aree verdi, in particolare per la realizzazione di orti urbani e recupero di aree ludico-sportive. 

“Le proposte – annuncia Acea - saranno ora valutate da una commissione interna all’azienda e entro il mese di giugno sarà reso noto l’elenco dei progetti accolti, di cui partirà successivamente la realizzazione”.