Notizie

Al comando ci sono le professioniste: Lazio e Roma sole in testa

Nel Girone A i biancoazzurri sfruttano l'occasione, nel B i giallorossi sanno solo vincere



La Lazio batte l'Ostiamare e vola in testaGirone A. In primo piano la vittoria della Lazio nel “big match” in casa dell’Ostiamare, la settima di fila per gli aquilotti. Nella prima delle due partite di cartello del raggruppamento, i biancocelesti s'impongono a Ostia con uno 0-2 secco a firme Napolitano e Rosi, guadagnandosi così la vetta solitaria della classifica grazie al pareggio della Nuova Tor TreTeste. I rossoblu, nel secondo “match clou” del gruppo A, vengono bloccati sullo 0-0 da una buona Vigor Perconti e interrompono così la loro lunga striscia di vittorie consecutive, dopo che per sette turni non avevamo conosciuto ostacoli. Ne approfitta l’Urbetevere, che schianta a domicilio il Montefiascone: il roboante 1-10 vale per i gialloblu la quarta vittoria, per i viterbesi la quinta sconfitta, consecutive, e in esso spiccano la tripletta di Di Ponti, le doppiette di Gavrila e Serafini, oltre ai sigilli di Appatecchia, Carradori e Malorni, mentre per gli avversari il gol della bandiera lo firma il solito Medori. L’Atletico 2000 ritrova il successo dopo due sconfitte e, con il 2-1 casalingo in rimonta con marcatori Gagliassi e Corrado, pone fine alla serie di risultati utili del Ladispoli, a cui non basta la rete di Di Filippo; anche la Romulea ritrova i tre punti dopo due settimane, imponendosi con uno 0-2 all’inglese in casa dell’Aurelio F.A., dove la doppietta del solito bomber Fazzello condanna i granata alla settima giornata senza vittoria. Chiudono il programma il pareggio tra Unipomezia e Vigili Urbani, nello scontro diretto dei piani bassi, un 1-1 sancito dai guizzi di Pasculli e Valieri e che non beneficia anessuno, e la ritrovata gioia della Totti S.S., che in casa supera di misura 2-1, marcature di Covarelli e Pizzulli, il Massimina, che non sfrutta un autorete degli avversari e rilancia cosi i padroni di casa al trionfo dopo ben tre settimane.

Il Savio fa festa: ora è quartoGirone B. Ormai non stupisce più la tabella di marcia della Roma, destinata a terminare il campionato imbattuta e probabilmente a punteggio pieno: a Trigoria altra goleada dei giallorossi ed undicesima vittoria in altrettante gare di campionato. Stavolta a farne le spese è il Tor Sapienza, squadra che nell’ultimo mese ha collezionato tre sconfitte e un pareggio, e che si inchina davanti alle triplette di Barbarossa e Ciotti, in aggiunta ai gol di Riccardi, Greco e Cataldi, che firmano il 9-0 finale. La Roma allunga ancora di più sulle inseguitrici, portandosi a +10 dalla seconda in classifica: i lupacchiotti beneficiano infatti del pareggio nel partitone del gruppo B, l’1-1 tra Lodigiani e Frosinone firmato da Coccia e Antonellis D., risultato che non solo allontana biancorossi e canarini dalla vetta, ma li porta anche alla mercè di Savio e Tor di Quinto, in piena risalita. Le squadre di via Norma e via del Baiardo bissano le convincenti vittorie di settimana scorsa e si avvicinano alla zona play-off: il Savio cala il poker, 4-1, contro il San Cesareo, alla terza sconfitta di fila, grazie alle reti di Pesarin, ScorzoniScognamiglio e Nastasi, a fronte di quella di Di Bernardini per gli avversari; poker anche per il Tor di Quinto, che si aggiudica il derby contro il Futbolclub 0-4 per merito delle doppiette di Foufah e Intini. Dietro, l’Aprilia ritrova un successo che mancava da tre giornate: la realizzazione di Cillo sancisce l’1-0 contro il Certosa e costringe i neroverdi all’ottavo turno senza i tre punti. In conclusione, il Cinecittà Bettini si aggiudica gioco, partita ed incontro nel tennistico 1-6 sul campo del Calcio Sezze, dove il gol di Rossi per i padroni di casa è vanificato dalla tripletta di Di Renzo e dalle segnature di Minotti, Esposito e Rutigliano, infine continua il buon momento della Polisportiva Carso, al quarto risultato utile consecutivo, che vince 2-1 in casa contro l’Anziolavinio, a cui non basta Lisi dopo le reti di Mancini Guerriero per i locali.