Notizie

Al Teatro de' Servi fino all'8 marzo "Il Grande W.C."

La commedia scritta e diretta da Pierpaolo Palladino racconta la storia di Washington Cruciani, un artista che sognava Broadway ma intanto si esibiva a Torvajanica



Fabrizio GianniniLa commedia scritta e diretta da Pierpaolo Palladino “Il Grande W.C.” racconta la storia di Washington Cruciani - interpretato da Fabrizio Giannini - un’artista che sognava Broadway ma intanto si esibiva a Torvajanica; un sognatore e cantante neomelodico; un poeta maledetto e incompreso. Ma il destino di Washington cambia il giorno in cui incontra Giulia Roberts per una vacanza romana nella Hollywood sul Tevere. Ne nasce un’esilarante avventura tra balere e cassonetti, tra zoo marini e studi cinematografici, tra Torvajanica e Appia Antica, tra partenze e fontane.  Giannini, accompagnato in scena dalle musiche originali di Vittorio Giannelli, interpretate dal vivo dallo stesso Giannelli (alla chitarra e pianoforte) e da Fabiola Torresi (percussioni e basso), da vita a tutta una serie di personaggi. Oltre a Washington Cruciani, vedremo Rocco l’impresario, il bimbo malefico, Nicola l’usciere, il leone col giornale, Leonardo Di Caprio, Giulia Roberts, la cagnetta Sissy, il regista milanese, il gorilla Cheese, il paparazzo, avventori vari.

Romano purosangue, e guai a dire il contrario, Fabrizio Giannini è autore, attore e regista. Formatosi nell’Accademia di Enzo Garinei, è sempre stato attivissimo in campo teatrale: si ricorda in particolare “So’ romano e me vanto” per la regia dello stesso Giannini e “Gli occhi di Piero” per la regia di M. Simeoli. Ha lavorato con Ettore Scola e Ugo Gregoretti. Ha scritto, diretto ed interpretato molti spettacoli con Edoardo Falcone. La sua poliedricità lo ha portato a partecipare a film importanti come “Nessuno mi può giudicare” e  “Viva l’Italia”, entrambi di Massimiliano Bruno, e “Roman e il suo cucciolo” di Alessandro Gassman. Ha lavorato anche in fiction di successo come “7 vite”, “Carabinieri”, “La Squadra”, “Le tre rose di Eva” e “I Cesaroni”.