Notizie
Categorie: Dilettanti

Alessio Vernile carica l'ambiente Sporting Torbellamonaca e chiede aiuto al suo quartiere

"Ero abituato a vedere la tribuna sempre piena la domenica, mi piacerebbe che tornasse ad essere così"



Image titleTra le squadre della Seconda Categoria che puntano in alto c'è lo Sporting Torbellamonaca. Il club arancionero, reduce da un campionato sottotono, chiuso al nono posto, cercherà nuovamente di conquistare l'accesso alla Prima Categoria. Questa ambizione è confermata dalle parole di Alessio Vernile (nella foto, a sinistra, insieme a Besi Qamili). Il terzino classe '91 sta per iniziare la sua terza annata con la maglia arancionera ed è convinto che la sua squadra possa recitare un ruolo da grande protagonista in campionato, nonostante sia stata inserita in un raggruppamento piuttosto impegnativo (il girone H). Questa convinzione spinge Vernile a mandare anche un appello ai tifosi.


Quest'estate hai ricevuto alcune offerte, anche da squadre di categorie superiori: cosa ti ha spinto a restare allo Sporting? "Sono molto legato a questa squadra e ai miei compagni, mi piacerebbe tantissimo rivincere il campionato con loro. Questo mi ha spinto a rimanere e vestire ancora un anno i colori arancioneri". 

Come giudichi la squadra, dal punto di vista dell'unione e del potenziale? "È un gran gruppo, l'ambiente è molto più sano e sorridente dell'anno scorso ed abbiamo legato subito con i nuovi arrivati. La squadra è stata rinforzata tantissimo in tutti i reparti. Dobbiamo metterci tanta voglia e determinazione, e pensare sempre partita per partita". 

Un commento sul girone in cui siete capitati? "Un girone molto difficile. Ci sono ottime squadre e l'esempio è arrivato domenica, nel Memorial in cui abbiamo affrontato il Real Cava Frattocchie: squadra ottima, organizzata e con buoni giocatori. Il livello è alto, quindi dovremmo impegnarci al massimo ogni partita per ottenere l'obiettivo prefissato". 

Quali errori non dovrete ripetere per evirare un campionato sottotono come l'ultimo? "Secondo me l'anno scorso non è stata questione di errori, semplicemente non avevamo un organico per vincere il campionato, o meglio: i giocatori che ci servivano sono arrivati quando ormai non ci giocavamo più niente". 

In questo precampionato mister Fiaschetti sta puntando, più che altro, sul 4-2-3-1: come ti trovi in questo modulo? "Abbastanza bene, ho modo di sfruttare di più le mie caratteristiche e quindi di scendere molto sulla fascia e andare al cross. Mi trovo un po' meno bene nella fase difensiva: capita che ti trovi in inferiorità sulle fasce e serve un grande aiuto dall'esterno alto". 

Vuoi mandare un messaggio ai tifosi? "Sono diversi anni che gioco qui a Tor Bella Monaca e sono abituato a vedere la tribuna sempre piena la domenica. Da un paio di anni, però, questa cosa è andata a svanire. Capisco che non ci sia più una squadra del quartiere che militi tra i due massimi campionati regionali, ma, come si dice, l'unione fa la forza. Quindi un campionato si vince tutti insieme e il sostegno dei tifosi ci aiuterebbe tantissimo".