Notizie
Categorie: Nazionali - Under 15

Alla Roma basta Cappa, Napoli messo ko all'esordio

I ragazzi di Coppitelli battono i partenopei nella prima gara della Final Eight Giovanissimi Nazionali grazie al gol dell'attaccante. Domani l'attesissimo derby contro la Lazio.



L'esultanza della Roma Giovanissimi a Monte San SavinoMARCATORI 11'pt Cappa  

NAPOLI (4-3-3) Schaeper, Musella, Marino (11’st Cesarano), Amabile (16’st Santoro), Esposito (34’st Caiazzo), Riccio, Messina (11’st Vasca), Passeri (22’st Daddio), Mentana (19’st Guida), Mattera, Russo PANCHINAPezzella, Yattarelli, Pelliccia.  ALLENATORE Liguori  

ROMA (4-3-3) Greco, Testa, Pellegrini, Kastrati, Petrucelli, Visconti, Meadows (25’st Cargnelutti), Marcucci, Cappa (20’st D’Oronzio), Antonucci (32’st Foresi), Valeau PANCHINA Assi, Rizzi, Amadio, Spirito, Pannuzzo, Olivetti ALLENATORE Coppitelli  

ARBITRO Meraviglia di Pistoia 

ASSISTENTI Gambinidi Firenze e Santi di Prato  

NOTE Espulso Testa al 24’ per doppia ammonizione Cappa, Marcucci, Mattera, Amabile. Angoli 1-1 Rec 1’pt, 4’st

Vittoria per 1-0 con il minimo sforzo. Partecon tre punti preziosissimi l’avventura alle Finali Scudetto della Roma diFederico Coppitelli che nonostante una prestazione non esaltante schianta unNapoli grintoso e confusionario grazie il gol nel primo tempo di Cappa.Parte subito forte la Roma: il primo aprovarci è Marcucci al 6’ che con un bella conclusione non trova il bersagliogrosso. All'11, però, arriva il vantaggio: Valeau sbaglia un tiro che diventaun assist perfetto per Cappa che stoppa sul filo del fuorigioco a centro area edi punta tutto solo fa secco Schaeper. La Roma sembra adagiarsi sul minimovantaggio e gestisce il pallone senza mai accelerare vista anche la pochezzadel Napoli nelle manovre offensive napolitana. La partita si innervosisce e nerisente lo spettacolo. Nella ripresa la Roma riprende in mano il pallino delgioco e all’8’ va vicino al raddoppio con Valeau che approfitta di una respintacorta di una difesa partenopea in stato confusionale ma di sinistro sparaaltissimo. La noia la fa da padrona e quindi è l’arbitro che decide di rendersiprotagonista: prima ammonisce Testa perché secondo lui reo di non aver raccoltoil pallone celermente prima di una battuta di una rimessa laterale. Ildirettore di gara non si accontenta e due minuti più tardi, per il medesimo,presunto motivo, al terzino giallorosso viene sventolato davanti ancora ilgiallo da parte del signor Meraviglia di Pistoia; per vari ed eventuali ironicigiochi di parole legati al suo cognome, lasciamo spazio alla fantasia dellettore. La Roma stringe i denti e, in inferiorità numerica, riesce a ripartirecon molta fatica non riuscendo a tenere in mano il pallino del gioco ma ilNapoli non riesce a rendersi pericoloso fino al triplice fischio dell’arbitroche permette alla banda di Coppitelli di esultare e arrivare con la giustacarica nel derby di domani contro la Lazio (1-1 contro la Juve nel match d’esordio).