Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Giovanili

Altre sette novità per le giovanili della Lazio

Alessandrini, Andreotti, Belardini, Fioretti, Olivieri, Picchi, Pucci entrano a far parte del settore giovanile della società biancoceleste



Image titleProsegue incessante il consolidamento degli organici delle formazioni giovanili della Lazio, che nella giornata di oggi da il benvenuto ad altri sette ragazzi di età compresa tra i 19 ed i 16 anni, tutti di scuola Number 9 e tutti di conseguenza, cresciuti sotto la supervisione del neo responsabile tecnico del settore giovanile bianco-celeste, Andrea Colaceci.

Andreotti, Belardini, Olivieri e Pucci (l’unico portiere), sono classe ’96. Poi ci sono i ’98 Alessandrini e Picchi ed il classe ’99 Fioretti.

“Sono ragazzi che hanno iniziato un percorso con me che ormai è più che decennale – spiega Andrea Colaceci – con alcuni dei quali ci siamo tolti anche delle belle soddisfazioni come la vittoria di alcuni titoli regioni ed abbiamo giocato una finale Scudetto Giovanissimi. Per loro l’arrivo alla Lazio è da un lato il compimento del percorso fatto fino ad ora, ma soprattutto, deve essere una prosecuzione, è il momento per loro di mettersi in gioco in una realtà di livello superiore in quella che credo sia la società più importante nella nostra regione e tra le più importanti in Italia.

Uno rientra nella categoria Allievi, altri in quella Juniores, altri ancora nell’U21, ma poco conta: “Non sono abituato a fare una distinzione troppo netta di categorie – spiega Colaceci – e con la Lazio ci siamo trovati da subito perché interpreta lo sviluppo del percorso giovanile alla mia stessa maniera. Conta la crescita dei ragazzi più che la distinzione della categoria, l’obiettivo primario rimane questo, la Lazio lo ha sempre fatto ed ha continuato a farlo. La Società ha voluto di puntare su questi ragazzi operando delle scelte, come detto a loro andrà il compito di calarsi in una realtà così importante ed impegnativa”.

La Lazio accoglie i suoi nuovi giovani atleti ed augura anche a loro una stagione ricca di soddisfazioni ed una crescita costante sia sul piano tecnico-sportivo che umano.