Notizie
Categorie: Altri sport

Ambizione e novità: la Lazio Nuoto riparte

Presentata mercoledì mattina al Salaria Sport Village la formazione di Formiconi



La squadra foto©NapolitanoGiornata di festa lì dove volano le aquile acquatiche. Dopo le fatiche di Coppa Italia e una qualificazione che mancava da tempo, le ambizioni volano in alto in casa Lazio Nuoto nel giorno della presentazione della stagione agonistica 2014/2015. Biancocelesti della pallanuoto che consolidano il gruppo, già di marmo, con l’arrivo del nuovo portiere (inserito nel gruppo azzurro) Lorenzo Vespa, dell’ americano Joshua Samuels (domani in arrivo nella capitale) e quello di un altro difensore, Ludovico Sacco, deciso a giocarsi il posto. Inoltre c’è da sottolineare la crescita dei giovani che diverse soddisfazioni hanno portato al club laziale, ultima fra tutte la conquista del bronzo nelle finali nazionali Under 17. 


Massimo Moroli“La squadra si presenta più competitiva rispetto allo scorso anno con due integrazioni ben centrate che riguardano i due ruoli che erano scoperti: il portiere e un difensore centrale con capacità di tiro – spiega Massimo Moroli, presidente della Lazio Nuoto - c’è all’interno del gruppo un grande spirito di squadra con cui siamo convinti di portare avanti un ottimo programma. Lo scenario non è così irraggiungibile, levando le prime due corazzate, proveremo a giocarcela con tutti. Le difficoltà si osservano in tutti gli sport e quindi anche nella pallanuoto. Ma non abbiamo mollato e per questo voglio che i ragazzi rendano per quella che è la loro potenzialità, dovrà essere una stagione nella quale non dovremo avere rimpianti. In più abbiamo aperto una collaborazione con la Lazio calcio che prevede importanti novità”. 


Pieruigi FormiconiIl tecnico A guidare la squadra, per il terzo anno consecutivo, sarà il “domatore” Pierluigi Formiconi alle prese con la sua solita grinta: “Noi vogliamo entrare nei play off quest'anno. Stiamo lavorando, la squadra è migliorata, abbiamo passato il turno di Coppa Italia contro la Florentia e la Vis Nova che però sono arrivate abbastanza incomplete, ma con l'Acquachiara ce la siamo giocata e abbiamo avuto un bell'approccio – racconta l’allenatore della Lazio Nuoto - Sabato a Brescia sarà difficilissimo ma non sono tutte così forti, vogliamo giocarcela sempre. Mele, Cannella, Correggia sono giovani importanti che ci daranno una mano e aiuteranno la Lazio con la loro crescita, speriamo di levarci sfizio. Sono pronto a togliermi ancora molte soddisfazioni”. 


La bandiera Infine è il turno del capitano, il vero combattente senza età che a “soli” 41 anni ha ancora voglia di dire la sua: “Fino ad ora è andata bene, stiamo lavorando per l’inizio del campionato ma le prime partite saranno proibitive, soprattutto Brescia, con il Posillipo non si sa mai. Dalla Coppa è emerso che siamo in buona condizione fisica, c’è ancora da lavorare anche perché abbiamo affrontato squadre in costruzione e prive di alcuni giocatori, il campionato sarà un’atra cosa, ma noi abbiamo consolidato un’organizzazione di gioco e questo ci Antonio Vittoriosodà forza. Restiamo con i piedi per terra - dichiara Antonio Vittorioso - L’innesto di Vespa e dei giovani, in attesa di valutare Samuels, ci aiuta, dobbiamo vedere quale sarà il loro impatto. Sappiamo dove possiamo arrivare quest’anno, ce l’abbiamo tutti bene in mente, dobbiamo dare continuità al girone di ritorno dell’anno scorso. Ho ancora voglia di dimostrare, mi sento in grado di competere ad alti livelli e sogno una Lazio da vertice”. Debutto nella tana dei leoni, sabato a Brescia alle 18, la prima in casa sarà una settimana dopo, l’11 ottobre, in casa contro il Posillipo.