Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Anziolavinio, mister Siligato: "Con il San Cesareo ci proveremo"

Il tecnico anziate sta preparando la difficile sfida contro la capolista di Roberto Coscia



Image titleLa prima giornata del girone d'andata portò una sconfitta all'Anziolavinio. Eppure fu vissuta in maniera intelligente dalla squadra di Dario Siligato, se è vero che a quella debacle interna seguirono i pareggi di Fondi e contro la Lupa Castelli, poi le vittorie su Aprilia e Isola Liri. Otto punti in quattro giornate. Ora come allora il San Cesareo è la squadra da battere, anche se oggi la formazione di Coscia non ha più dalla sua solo i pronostici ma anche un primato in classifica consolidato, fatto di 38 punti e prestazioni da record. Sabato dunque assisteremo a una replica della gara di andata e cioè una sconfitta onorevole e una ripartenza sulle ali dell'orgoglio o l'Anziolavinio saprà stupirci come contro l'Ostiamare lo scorso 8 novembre (2-0)? Lo chiediamo direttamente a mister Siligato che, sebbene non in possesso di una sfera di cristallo, ha ben chiara la condizione della sua squadra a poche ore dalla ripresa del campionato, e può certamente sbilanciarsi in una previsione.

Mister, se potesse scegliere, preferirebbe una sconfitta sabato per poi ripartire alla grande o battere il San Cesareo e contribuire potenzialmente a fare la storia di questo campionato?
"Il San Cesareo ha un ottimo organico e lotta per il titolo, noi per la zona play off. I ragazzi sono molto carichi e la voglia di fare risultato c'è, ma i problemi di organico per far fronte alle esigenze della prima squadra ci impongono di non montarci la testa. L'importante sarà uscire dal campo con la maglietta zuppa e la consapevolezza di aver dato tutto. Francamente non siamo nelle condizioni di poter fare calcoli. Dobbiamo vivere alla giornata in questo momento ma con la consapevolezza, e il vantaggio, che sabato avremo tutto da guadagnare e niente da perdere".

Dunque anche nel vostro caso la prima squadra ha richiesto uno sforzo all'organico a disposizione. Problema comune in questa categoria. In che modo il mercato della Serie D sta influendo sul suo gruppo?
"La prima squadra è un cantiere. Ci sono molte trattative in corso e dalla serenità del presidente pare che tutto questo porterà a dei buoni risultati già la prossima settimana. Quanto alle ripercussioni sul nostro gruppo, diciamo che fin'ora non ce ne sono state visto che il campionato è fermo, ma non nascondo qualche timore per la ripresa, già da questo sabato. Il problema è numerico: vari miei ragazzi saranno in forze alla Serie D e non potranno giocare domani, altri potranno farlo ma solo per un tempo per essere in forma domenica. Inoltre non credo di poter fare affidamento sui '98, un ottimo organico che però sta affrontando un campionato difficile con l'obiettivo dell'Elite. Quello che mi conforta è lo spirito dei miei giocatori: sempre disponibili e mai spaventati dal duro lavoro. Ho gente che si è allenata in un gruppo di appena otto elementi durante la pausa natalizia, e persino il 24 dicembre. Basta questo per essere ottimisti e avere la certezza che le difficoltà del momento verranno presto superate".

Immagino quindi che sabato formazione e modulo per lei saranno un rompicapo. Ha già in mente un assetto da opporre alla formazione di Coscia?
"In realtà proprio la scarsezza del numero dei giocatori su cui potrò contare porta paradossalmente a certezze di ferro sia sulla formazione sia sul modulo. Credo che saremo contati. In panchina non avrò tante soluzioni ma una novità che proprio in questa fase così delicata potrà avere la sua grande chance: si tratta del '98 Fossacieca. Il ragazzo viene dagli Allievi Lega Pro della Lupa Ropa. L'ho già allenato e conosco bene le sue doti umane e tecniche. Si è integrato perfettamente e sono sicuro che farà molto bene, forse già da sabato prossimo. Quanto al modulo, anche lì non avrò molta scelta: partiremo col classico 4-3-3, che esalta le qualità del nostro attacco e centrocampo, per poi eventualmente passare a un 4-5-1 in fase di copertura".