Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Aprilia, De Min: "Contro l’Albalonga, pronto riscatto"

Le dure parole del tecnico delle rondinelle dopo la sconfitta subita dall'Ostiamare e in vista del match contro l'Albalonga



De Min tecnico della Juniores Nazionale dell'ApriliaL’undicesima gara del campionato Juniores Nazionale propone la sfida tra Aprilia ed Albalonga, due formazioni con ambizioni di alta classifica. Le rondinelle di mister Eugenio De Min sono reduci dalla brutta sconfitta in casa dell’Ostiamare e cercano un pronto riscatto nella gara che verrà giocata al Centro Sportivo Primavera. La partita di Ostia, però, brucia ancora al tecnico apriliano: "La prestazione di sabato scorso non rientra nel nostro DNA. Negli spogliatoi mi sono assunto tutte le mie responsabilità. Evidentemente alcuni ragazzi che ho schierato dall’inizio non sono ancora pronti: chi ci doveva far fare il salto di qualità non ha dato il contributo sperato. Abbiamo sbagliato l’approccio, la mentalità e il modo di stare in campo. Quando sul terreno di gioco ci si va solo con il corpo e non con la testa, quando si gioca senza anima diventa tutto più difficile. I nostri avversari non ci hanno creato grandi difficoltà, i gol subiti sono stati la conseguenza diretta di nostri errori. Dobbiamo cambiare mentalità, credere di più nei nostri mezzi, perché questa squadra ha qualità non indifferenti. In questa settimana di lavoro abbiamo martellato i giocatori sotto il profilo mentale. Contro l’Albalonga mi aspetto un pronto riscatto".Parole dure quelle del tecnico, che però non intende guidare una squadra destinata a fare da comparsa nel campionato. Mister De Min vuole essere protagonista, e per questo "non conta molto chi si affronta, che sia una squadra di alta, media o bassa classifica. Conta la mentalità che si mette in campo, perché questa squadra se la può giocare con chiunque. Non ci sono squadre di livello superiore al nostro, a parte forse il San Cesareo. Ci hanno creato delle difficoltà con il loro modo di giocare, ma in quell’occasione abbiamo messo in campo tutto ciò che siamo capaci di esprimere e ne abbiamo raccolto i frutti portando a casa la vittoria. Se non riusciamo ad avere il giusto approccio mentale alle gare, allora le cose si fanno difficili".