Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Aprilia, la parola al vice Riccardo Terrinoni

L'allenatore in seconda delle rondinelle ci dice la sua riguardo la preparazione atletica della squadra e di come si stiano integrando i nuovi innesti



Riccardo Terrinoni ©Fabrizio MelocchiDopo la sgambata di domenica scorsa, che ha coinvolto solo la prima squadra divisa in due formazioni, è arrivato il primo vero test amichevole per le rondinelle: la vittoria contro il Cedial Lido dei Pini è arrivata con un gol del giovane Kevin Pellerani, a dimostrazione del fatto che la prima settimana e mezza di lavoro stia dando comunque qualche frutto. Ovviamente è troppo presto per trarre dei bilanci definitivi, ma qualche risposta lo staff tecnico l’ha avuta da questa prima gara. Le prime impressioni le abbiamo chieste a Riccardo Terrinoni, vice allenatore dei bianco-celesti.


Come è stato l’inserimento dei nuovi acquisti nei meccanismi della squadra?
Hanno dimostrato molta dedizione, cercando di applicare durante la gara i meccanismi su cui abbiamo lavorato in questi primi giorni di ritiro. Ovviamente c’è ancora da affinare l’intesa con i compagni, ma la voglia che hanno dimostrato ci ha fatto capire che la strada intrapresa in queste prime sessioni di allenamento è quella giusta.

Dal punto di vista atletico come stanno i giocatori, visto anche il periodo di inattività tra la fine della scorsa stagione e l’inizio della preparazione?
Sembra stiano tutti abbastanza bene, a parte qualche affaticamento che in questa fase ci può stare ed è giusto anche che ci sia. Abbiamo cercato di dare a tutti lo stesso minutaggio, schierando squadre diverse in ognuno dei due tempi a parte qualche eccezione e, nonostante la sessione mattutina fosse stata abbastanza pesante, la risposta è stata decisamente positiva.


Il reparto offensivo è stato rinnovato praticamente nella totalità degli elementi, cosa invece non accaduta negli altri reparti. Come si muovono i nuovi attaccanti?
Non si può giudicare questo elemento dalla gara di ieri, anche perché uno degli attaccanti, Kevin Mastrosanti, è stato costretto al forfeit da un affaticamento. Però chi ha giocato ha dato prova di aver capito ciò che abbiamo proposto in allenamento, cercando di trasporre in gara quanto provato in settimana. C’è da lavorare, ma a forza di provare e riprovare anche in attacco, così come negli altri reparti, le cose andranno a migliorare sempre più.


Cosa cerca lo staff tecnico in queste prime uscite stagionali?
La cosa più importante è dare continuità al lavoro fisico che si svolge nelle sedute di allenamento. Dal punto di vista tattico è ovvio che non si possono chiedere giocate molto sofisticate, siamo solo all’inizio. Ma con il proseguire della preparazione, con l’aumentare delle amichevoli, si andrà sempre a salire qualche gradino, in modo da arrivare al completamento del percorso che con mister Fattori ed il prof. Zeppetella stiamo proponendo alla squadra.