Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Aprilia, maledetta sfortuna. Bussi: "San Cesareo? Possiamo farcela"

L'allenatore delle rondinelle ottimista sulla gara di domani contro l'undici di Roberto Coscia



Image titlePotrebbe essere arrivato il momento della svolta per l'Aprilia di Maurizio Bussi. La formazione nerazzurra infatti, reduce dal prezioso pareggio esterno contro la Virtus Flaminia, se la vedrà domani contro la prima della classe: il San Cesareo. Abbiamo ascoltato il tecnico nerazzurro per capire come la squadra si stia avvicinando a questo difficile esame e come pensa di poter affrontare la corazzata di Roberto Coscia.  

Mister, contro la Flaminia un 2-2 singolare, per come è maturato, ma che fa comunque morale. Che partita è stata?
"Si tratta di un pareggio amaro. Abbiamo creato almeno nove occasioni da rete prima di trenta secondi assurdi nei quali, per delle amnesie difensive, abbiamo subito i due gol avversari. Poi però la squadra ha saputo reagire ottimamente e Marchetti e Fortunato hanno rimediato egregiamente, segnando i gol del pari".  

Insomma, una gara che sembra racchiudere limiti e potenzialità di una squadra vittima di eposodi ma abile a trovare in sé le risorse per non cadere. Cosa sta impedendo all'Aprilia di esprimersi al meglio?
"Difficile dirlo. Ci sono state gare decisamente negative, penso a quelle con la Viterbese, l'Ostia Mare, oppure il secondo tempo contro l'Astrea. Prestazioni certamente non buone ma che non bastano a spiegare questa nostra classifica, soprattutto alla luce di ottime partite che abbiamo saputo disputare. In tutti gli altri casi infatti siamo sempre stati in partita. Cosa ha pesato? Io credo tanta sfortuna. Prendiamo gol assurdi. Noi creiamo tantissimo ma concretizziamo con difficoltà. Questi elementi mischiati assieme penso siano alla base della nostra classifica. È un po' più di buona sorte quel che ci serve!"  

E adesso si presenta il San Cesareo. Ritiene che questo difficile impegno possa rappresentare lo stimolo giusto per tentare un riscatto duraturo? Inoltre come state preparando la gara?
"Moralmente e caratterialmente la squadra c'è, nonostante i risultati non ci abbiano molto premiati fino ad ora. Sono convinto che sabato ce la giocheremo senza blocchi o preoccupazioni. Quanto alla formazione, dovrò far fronte a squalifiche che pesano: quella di Marchetti e Zepponi. Tuttavia la squadra che schiererò sarà comunque assolutamente all'altezza. Ho piena fiducia di tutti. Studierò un buon modulo, anche se non credo di discostarmi dal 3-5-2 che mi è tornato molto utile ultimamente. Del resto con Marchetti e Zepponi fuori il 4-3-3 è molto difficile adottarlo. Inoltre, forse, potremo contare su una mano dalla prima squadra. Insomma, credo saremo del tutto in grado di poter affrontare con piena autorità questo San Cesareo".