Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Aprilia, parla Cannariato: "Orgoglioso del gol al Latina"

Il centrocampista sul ritorno di Roversi: "Non solo è un grande attaccante, ma anche un amico"



Cannariato si appresta a battere il rigoreUn giorno di riposo dopo la grande prestazione con il Latina e poi di nuovo tutti a lavoro agli ordini di mister Fattori. L’Aprilia riprende il cammino verso l’avvio della nuova stagione con un allenamento mattutino, al termine del quale Matteo Cannariato, autore della rete del vantaggio sulla squadra di Mark Iuliano, appare stanco ma soddisfatto di quanto fatto sul campo. Sia quello di allenamento che al “Quinto Ricci” lo scorso martedì: «Sicuramente contro il Latina abbiamo fatto una grande partita , ce la ricorderemo per un bel po’. Le due categoria di differenza si sono viste sul giro palla, e per noi il pressing portato ad una squadra di quel livello certamente è stato utilissimo, è stata una gara allenante. L’entusiasmo per il blasone dell’avversario ci ha dato una spinta in più per fare bene. Il mister insiste sul fatto che sarà fondamentale mantenere questo impegno anche per le gare di campionato. Questo è il nostro obiettivo, il lavoro in allenamento è finalizzato anche a questo aspetto». Il gol, chiaramente, non vale come uno segnato in campionato, ma resta comunque «un motivo di orgoglio. Segnare davanti al nostro pubblico – prosegue Cannariato – è sempre una grande soddisfazione. Esserci riuscito in uno stadio pieno e contro una squadra di quel livello rappresenta senz’altro una grande soddisfazione». Ma il Latina ormai è il passato, la testa della squadra è proiettata al campionato, che nonostante il ritardo nell’ufficializzazione dei gironi e dei calendari, è ormai dietro l’angolo: «Rispetto allo scorso anno abbiamo una rosa migliore. E questo perché il blocco dei giovani ha un anno in più di esperienza sulle spalle, che sicuramente li ha migliorati sotto tutti i punti di vista. I nuovi innesti, inoltre, hanno dimostrato che le ottime qualità viste nello scorso campionato  possono essere funzionali al nostro gioco. Secondo me siamo pronti per l’esordio in campionato del 6 settembre. Ammesso che sia ancora quella la data...». 

L’ultimo innesto in ordine cronologico è in realtà un ritorno: il bomber Cristiano Roversi, che con i suoi 19 gol lo scorso anno ha contribuito all’ottimo campionato delle rondinelle: «Per me si tratta non solo di un grande attaccante, ma anche di un grande amico – confida il centrocampista, tra l’altro coetaneo di Roversi visto che entrambi sono classe ’90 – quindi sono contento del suo ritorno. Il fatto di avere un buon numero di alternative nel reparto avanzato ha solo dei risvolti positivi: se prendiamo il mio esempio, lo scorso anno ho saltato sei partite per squalifica, più tre mesi per infortunio. Avere dei giocatori di buon livello in ogni reparto è fondamentale per poter ambire ad un campionato di un certo livello. Come dimostra il centrocampo, il reparto in cui gioco io: Paruzza si sta rivelando un buonissimo giocatore, Maola è cresciuto in maniera impressionante durante lo scorso anno. Secondo me a centrocampo siamo molto molto più completi». Squadra migliorata, dunque, ma con lo stesso obiettivo: «Abbiamo ricevuto molti complimenti e molti elogi per quanto fatto lo scorso anno. Noi restiamo con i piedi per terra: sappiamo che il nostro obiettivo è la salvezza e lotteremo per raggiungerlo il prima possibile. Poi, tutto quello che verrà in più ce lo prenderemo».