Notizie
Categorie: Dilettanti

Atletico Morena, Quadraccia: "A Segni vittoria convincente"

Le parole del centrocampista 21enne dopo la vittoria in campionato del club dei patron Enzo e Mauro Fabrizi



Roma – L’Atletico Morena si tiene stretto il secondo posto. La squadra dei patron Enzo e Mauro Fabrizi sbanca SegniTre punti per l'Atletico Morena con un largo 4-2 firmato dal rigore in apertura di Placidi, dalla doppietta di uno scatenato Quadraccia e dalla rete (nel secondo tempo) di Gavini che ha chiuso i conti. «Abbiamo iniziato alla grande la partita – racconta proprio il 21enne centrocampista esterno Flavio Quadraccia – e nella prima mezzora abbiamo segnato tre gol. I miei? Sono arrivati con un pallonetto e con un tiro da fuori, con questi sono a quota 6 in stagione nonostante abbia saltato alcune partite per un infortunio. Sono contento del mio rendimento, ma ancor di più di quello che sta facendo la squadra in questo campionato di Prima categoria anche se c’è addirittura un po’ di rammarico per qualche punto perso per strada». Quadraccia aggiunge ancora un pensiero sulla gara di Segni. «Ad inizio ripresa abbiamo subito il gol del 3-1 che ha caricato i padroni di casa, ma poco dopo siamo andati in gol con Gavini che di fatto ha archiviato la pratica. L’unico vero peccato è stato il cartellino rosso, sicuramente eccessivo, comminato a Gazzella che dovrà saltare la fondamentale gara interna con la Pro Roma terza della classe». Dopo la sosta di Pasqua, infatti, l’Atletico Morena riposerà ancora un turno (per il girone con numero di squadre dispari), poi al “Fabrizi” andrà in scena la decisiva sfida per il secondo posto. «Loro sono un’ottima squadra – dice Quadraccia -, ma noi contiamo sul fattore campo. Sappiamo che sarà una gara fondamentale. Il fatto di doverla giocare addirittura tra tre settimane? Un po’ disturba perché in questo momento stiamo molto bene, ma la sosta ci potrebbe permettere di recuperare pedine importanti come per esempio Balestrini». Il gruppo di mister Andrea Aquilanti, ora, si prenderà qualche giorno di “pausa mentale” per prepararsi al meglio al rush finale: il sogno di un altro salto di categoria (sarebbe il terzo consecutivo per una squadra che due anni fa stava per vincere il campionato di Terza) è molto vicino dal realizzarsi.