Notizie

Avellino-Lupa: denunciati in 7? Arriva la smentita del club

Una settimana fa, molte fonti d'informazione hanno parlato del procedimento del tribunale minorile nei confronti di alcuni tesserati delle due società. Il team manager Mariano Nazio: "Nessuno è stato contattato"



26 settembre: la Lupa Castelli Romani in campo prima del match contro l'Avellino ©FacebookSembra non avere fine la vicenda legata ai fatti di Avellino - Lupa Castelli Romani, partita sospesa per rissa sabato 26 settembre. Dopo lo 0-3 a tavolino inflitto alle due società e la conseguente squalifica nei confronti dei sette tesserati (tre del team laziale e quattro degli irpini), lo scorso 24 ottobre molto siti vicini alle vicende del capoluogo campano (irpinianews.it, orticalab.it CLICCA SUI LINK IN VERDE PER CONSULTARE LE NOTIZIE), hanno riportato la notizia di un’emessa denuncia dei Carabinieri di Lacedonia nei confronti dei ragazzi coinvolti nella rissa, dopo aver visionato le immagini delle videocamere e dopo aver analizzato le informazioni raccolte. Una settimana dopo però arriva la smentita della Lupa Castelli Romani. A parlare oggi è Mariano Nazio, vice responsabile del settore giovanile e team manager della Berretti amarantoceleste, presente a Lacedonia quel 26 settembre: “I Carabinieri? Ci chiesero solo la distinta per avere i nominativi dei venti ragazzi, oltreché quello di mister Belli e dell’accompagnatore ufficiale. Gli unici provvedimenti presi nei confronti dei nostri tre calciatori interessati (Italiano, Bertarelli e Faraone) sono arrivati dal Giudice Sportivo e dalla stessa Lupa Castelli Romani. Per noi questa notizia rappresenta una novità. Né alla società, né ai ragazzi è arrivata una denuncia”. Notizia errata quindi o provvedimento ancora non notificato? Per ora rimaniamo alla finestra in attesa di eventuali sviluppi.