Notizie
Categorie: Altri sport

B1 - Battuta d'arresto per la Volley Latina a Lagonegro

La compagine di mister Pozzi torna sulla terra e dopo le sette splendide perle consecutive in campionato vede il suo cammino interrompersi in quel di Lagonegro



Scatti del matchBASI GRAFICHE LAGONEGRO - CIS RETI TLC HYDRA VOLLEY LATINA  3-1(25-20; 25-16; 21-25; 26-24 )
LAGONEGRO
Boesso 12, Francescato 19, Cubito 7, Bruno, Turano 8, Boscaini16, Maiorana D., Parisi 3, Benedetto (L1), Fortunato (L2). n.e. MaioranaF., Bartoli, Iorno 1° ALLENATORE Falabella 2° ALLENATORE Caporusso
HYDRA VOLLEY LATINA Calcabrini, Razzetto 5, Fortunato 7, Bigarelli L. 1,De Fabriitis 14, Quartarone 5, Roberti 18, Di Belardino 8, Rondoni,Sorgente (L). n.e. Caputo, D’Amico 1° ALLENATORE Pozzi 2° ALLENATORE Schivo
ARBITRI Bonafiglia – Di Meglio Lagonegro Bv 8, Bs 10, M 7 Hydra Bv 4, Bs 11, M 13 Durata set 17’, 24’, 28’, 33’

La Cis Hydra Volley Latina torna sulla terra e dopo le sette splendideperle consecutive in campionato, vede il suo cammino interrompersi in quel di Lagonegro, contro la Basi Grafiche che meritatamente porta a casal’intera posta in palio, frutto di una partita condotta quasi sempreavanti e vittoria costruita soprattutto nei due set iniziali.La ricezione, proprio uno dei fondamentali che fin qui era stato uno deipilastri delle vittorie ottenute dalla squadra pontina, è stata un po’deficitaria in quest’occasione non consentendo successivamente disviluppare degli attacchi più incisivi.La partita inizia malissimo per la squadra pontina, a causa di erroricommessi in attacco e disattenzioni varie, Lagonegro fa subito un breakimportante portandosi sul 7 a 1 che poco dopo diventa alla sosta 8-3 per ilucani. Al rientro, l’Hydra si riprende un po’ dallo shock e torna a farepunti con Roberti e De Fabriitis protagonisti, rosicchiando terreno eandando a girare alla sosta successiva sul 16-12 Lagonegro. La Ciscomincia a prendere le misure agli avversari che comunque non mollano,Francescato per i suoi cerca di operare lo strappo decisivo, cosa che nonriesce subito perché i ragazzi di Pozzi, nonostante il passivo inizialenon vogliono cedere un cm, ma poco dopo devono cedere il set sul 25-20.Nel 2° set le cose si equilibrano di molto all’inizio, si procede punto supunto fino al 6 pari, ma  è un ace di Boscaini a dare l’8-6 per i lucani.Lagonegro inizia a mettere la partita su altri binari, cercando diinnervosire i ragazzi pontini con continue provocazioni sotto rete daparte di alcuni loro giocatori, cosa che porta i suoi frutti in quanto laCis Hydra becca un cartellino rosso per proteste inflitto alla panchina.La squadra quest’oggi appare un po’ contratta, molto in difficoltà, cosaacuita anche dalle giocate del Lagonegro che mette spesso in difficoltà laricezione con servizi insidiosi, ma il parziale è impietoso e non da aditoad alibi, 16-8. Ovvio che se la ricezione è deficitaria, viene da se cheanche la costruzione degli attacchi ne risente, ed infatti l’Hydra per unmomento del set non riesce più a mettere giù un pallone consentendo agliospiti di prendere il largo e andare a conquistare il set con un divariodecisamente ampio e tranquillo, 25-16.Nel terzo parziale, l’Hydra prova a rimettere da subito la testa fuori,cercando di cancellare quanto prima il set precedente, e così è infatti,la squadra combatte e va con prepotenza a girare in avanti al time outtecnico 8-7, e su questa intensità di giocare punto su punto che lapartita vive i successivi momenti senza che nessuno badi al risparmio,16-15 Lagonegro nella pausa successiva. Ormai si va verso il rush finale,i lucani accarezzano il desiderio di chiudere sul punteggio rotondo, mal’Hydra tira finalmente fuori le unghie e con un muro finale di DiBelardino va a far suo il set riaprendo di fatto la partita, 25-21.Set successivo e nuova linfa per la formazione pontina che parte subitobene, Lagonegro sembra accusare il colpo dovuto probabilmente ad un calofisiologico quanto lecito dopo aver speso molto, 8-5 Hydra alla sostatecnica. Al rientro però questa compie un mezzo suicidio, beccando unrosso per proteste e incassando un parziale di 3 a 0 che riporta i lucaniin parità. La partita si scalda, Lagonegro prova ad approfittare delmomento ma l’Hydra resta nel match, 16-15 per i lucani nella sostasuccessiva che li proietta poco dopo sul 20-16 in vista del tragurado. Quic’è un altro colpo di reni della squadra pontina che va a pareggiare iconti sul 22 pari dopo un attacco di Roberti ed un muro di Razzetto suCubito. Si continua punto su punto al cardiopalma fino a quando aivantaggi è la squadra lucana che ha la meglio con un attacco vincente diBoesso.Peccato davvero, una vittoria poteva lanciare definitivamente l’Hydraverso un allungo importante, approfittando della pausa di CastellanaGrotte, ma rimane comunque capolista seppur raggiunta da Aversa in uncampionato che si conferma essere bello ed avvincente come non mai.