Notizie
Categorie: Altri sport

B1 - La Roma 7 vince! VBA ko in 4 set

Al PalaGiorgi la formazione romana allenata da Morelli vince la sua prima gara in assoluto nel campionato nazionale



ROMA 7 - VBA SANT'ANTIOCO 3-1

ROMA 7 Cancelosi 2, Consalvo 3, G.Morelli 10, Mordecchi 12, Vendetti 14, Libanori 17, Lupo 9, Del Mastro 18, Carrubba (libero), Forte 8, Leonardi 15, Sokolowski 13, Sperduti 4, Noccioli 11 ALLENATORE Morelli 

VBA OLIMPIA SANT'ANTIOCO Vinci 1, Beccaro 2, Genna 3, Mocci 4, Di Franco 5, Usai 6, Muccione 7, Ferraro (libero), Geraldi 10, Longu 11, Ghiani 15 ALLENATORE Pasquali


Esultanza Roma 7Davanti ad un PalaGiorgi gremito la Roma 7 Volley vince la sua prima gara in assoluto nel campionato nazionale di Serie B1, piegando la VBA Olimpia Sant’Antioco con un convincente 3-1. Una vittoria tanto attesa da parte dei circa trecento sostenitori accorsi a tifare la prima squadra di pallavolo della Capitale , ottenuta contro un club storico della pallavolo sarda, che nella stagione 1994-1995 fu la prima squadra della Sardegna a disputare un campionato di Serie A1. Entrambe le squadre erano a caccia dei tre punti dopo le rispettive sconfitte della prima giornata: i capitolini si erano dovuti arrendere per 3-1 ai romagnoli della Fores Index di Conselice, mentre i sardi tra le mura amiche del Pala Giacomo Cabras con il medesimo punteggio avevano ceduto all’Edilfox Sol Caffè di Grosseto. Come da pronostico è stata una partita molto equilibrata, con i padroni di casa bravi a salire in cattedra nei momenti decisivi dell’incontro. Fase di studio all’inizio del match, con le due squadre che procedono a braccetto. L’allungo decisivo lo piazza la Roma 7 con Giulio Morelli al servizio: gli ospiti non hanno la forza di reagire al parziale di 17-13 ed è lo stesso Morelli a firmare con uno splendido ace il punto del 25-21. Da segnalare, nella seconda metà del set, il debutto in Serie B1 del giovanissimo Emiliano Leonardi, classe ’98. Nel secondo set partenza a razzo della formazione sarda, che si porta subito sul 2-6. Ma arriva prontamente la reazione della Roma 7, che prima torna in partita con il 10-10 firmato dall’ottimo Valerio Vendetti, poi si porta in vantaggio sul 16-15 con Matteo Consalvo ed infine, grazie alla maldestra invasione area di un avversario e al “mani-out” di Andrea Cancelosi, conquista il secondo set (25-22). Nel terzo set si rivive lo stesso identico copione, almeno fino alle battute finali. Gli ospiti sembrano scappare sul 5-8 ma la Roma 7 non demorde ed il muro di Simone Libanori del 18-17 segna il primo vantaggio locale del set. Il finale, però, stavolta è diverso. Nel momento più difficile per l’Olimpia viene fuori tutta la classe di Luca Genna, che prende per mano i suoi e recita un ruolo da protagonista inUn attacco della Roma 7 tutti gli attacchi ospiti: il muro di Valeriano Usai porta i biancoblù sul 19-22 e un’altra grande risposta a rete di Max Di Franco, il fiore all’occhiello della formazione sarda con oltre quindici campionato di Serie A1 disputati e il titolo di miglior muro della stagione 2003/2004, regala all’Olimpia il 20-25. Gli ospiti adesso credono fermamente nella rimonta e mettono alle corde i romani, che non riescono a trovare le giuste contromisure al servizio di Di Franco: si va subito sull’1-6. Ma il timeout chiesto dal mister Ivano Morelli sortisce gli effetti sperati e la Roma 7 si ritrova, agguantando con le unghie e con i denti il 10-10. In seguito gli attacchi vincenti di Libanori, Cancelosi e Consalvo, l’ace dello stesso Cancelosi e il pallonetto di seconda portato a segno da Morelli garantiscono un buon margine ai padroni di casa. Il braccino corto del tennista, come si sa, ogni tanto affligge anche il pallavolista e, complice qualche disattenzione locale, si arriva clamorosamente al 23-23 targato Usai. Quando il gioco si fa duro la Roma 7 non molla mai e il finale sorride ancora una volta ai capitolini: il muro di Libanori e la schiacciata di Cancelosi chiudono set e partita sul punteggio di 25-23.