Notizie
Categorie: Altri sport

Badminton, uno sport per i giovani e per il futuro

Dall'8 settembre la FIBa porta avanti il progetto nazionale "#ProgettoGiovanni #duemila20e24" e quello europeo "Shuttle Time", di cui l'Italia è la nazione pilota



Rosario Maddaloni, campione italiano 2014Immaginate il tennis con racchette più piccole e al posto della pallina il volano, ecco il Badminton; un gioco che ha radici molto antiche e sembra essere stato il primo sport di racchetta. Oggi molte strutture sportive, sostenute dalla FIBa, offrono la possibilità di praticare questo sport che nel giro di poco tempo ha conquistato adulti e bambini.

Nel 1985 l’allora IBF, ora Badminton World Federation riuscì a convincere il CIO a inserire il Badminton come sport olimpico a Barcellona 1992, dopo essere stato dimostrativo a Seoul 1988. In Italia si sviluppò a partire dalla seconda metà degli anni ’70 ed ottenne un grande riscontro, soprattutto tra i giovani. 

Il Centro Tecnico Federale della FIBa è il PalaBadminton, impianto concesso dal comune di Milano. Rappresenta il primo palazzetto dello sport in Italia riprogettato su misura per le specifiche esigenze tecniche del badminton e ospita inoltre i corsi di formazione e le più importanti manifestazioni. Con l’obiettivo di presentare il badminton nell’offerta formativa accademica la Federazione Italiana Badminton ha stipulato numerosi protocolli d’intesa con diverse università Italiane avviando inoltre progetti di collaborazione per la formazione di nuovi dirigenti di badminton. 

La Federazione Italiana Badminton, FIBa, svolge un’intensa attività di promozione e diffusione di questo sport tramite numerosi progetti, tra cui Shuttle Time; un progetto internazionale che vede l’Italia come nazione pilota in Europa. Lo scopo è quello di formare figure professionali che dovranno, in collaborazione con le società sportive, portare il badminton nelle scuole italiane con il supporto di materiale didattico e sportivo. Inoltre a partire dall’otto settembre è stato avviato  il #ProgettoGiovanni #duemila20e24, mirato ad individuare i giovani prospetti italiani più interessanti in vista dei Giochi Olimpici del 2020 e 2024. 

“Il #ProgettoGiovani #duemila20e24 è un’iniziativa della FIBa volta a investire decisamente sulle nuove generazioni- spiega la Federazione- In questo contesto di alta competitività si inserisce la creazione di un luogo fisico dove si coltivano le eccellenze attuali e soprattutto quelle potenziali del Badminton Italiano; infatti il progetto si svolge presso il PalaBadminton , Centro Tecnico Federale di Preparazione Olimpica di Milano. Questo gruppo di atleti si è trasferito a Milano non solo per giocare a Badminton e incrementare il proprio livello tecnico-tattico ma anche per proseguire il proprio percorso scolastico liceale o universitario.

Image title”Il progetto è diretto dallo Staff della Nazionale, guidato dal Direttore Tecnico Arturo Ruiz: “Si tratta di un progetto chiave per il futuro della Federazione a breve, medio e lungo termine per sviluppare e incrementare il potenziale tecnico nella fascia giovanile. Un esperienza di questo genere ha portato oggi la Spagnola Carolina Marin a divenire la neo Campionessa del Mondo all’età di 21 anni. L'obiettivo è quello di garantire il futuro badminton italiano.”

Da oggi prendono il via i campionati italiani a squadre di serie A e serie B. I campionati prevedono la partecipazione di 27 società, 9 quelle di serie A e 18 quelle di serie B suddivise in 3 gironi: Nord, centro e sud.Tutti coloro che volessero cimentarsi in questo storico sport, possono consultare il sito federale, www.badmintonitalia.it, e individuare le società sportive dotate di strutture idonee.