Notizie
Categorie: Altri sport

Beach soccer: qualificazioni mondiali, l'Italia nel girone con Inghilterra, Grecia e Moldavia

A Venezia il sorteggio dei gironi delle nazionali europee che parteciperanno alle qualificazioni per il Mondiale di Beach Soccer ha riservato all’Italbeach avversari non trascendentali



L'Italia beach soccer ©figc.itHa portato fortuna all’Italia il sorteggio dell’ OFFICIAL DRAW FIFA BEACH SOCCER WORLD CUP 2015 EUROPE QUALIFIER tenutosi quest’oggi nella sala Teatro “La Fenice” della nave MSC Armonia attraccata alla banchina Isonzo della Stazione Marittima di Venezia. Un’urna benevola ha riservato all’Italbeach di Max Esposito avversari non irresistibili come Inghilterra, Grecia e Moldavia. Fermo restando che nel beach soccer come nel calcio non c’è nulla di scontato gli unici che hanno mostrato segni di crescita negli ultimi anni sono gli ellenici. Anche gli altri gironi hanno delle chiare favorite come Russia, Spagna, Svizzera, Polonia e Ucraina. Quest’ultime due sono quelle che forse rischiano di più guardando la composizione dei gironi. Alla presentazione hanno partecipato le massime autorità sportive ed istituzionali tra le quali il Vice Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Claudio Bocchietti, il Sindaco della città di Jesolo Valerio Zoggia, l’Assessore al Turismo di Jesolo Daniela Donadello, l’Event Manager della FIFA Beach Soccer World Cup Gabino Renales, il Componente del Dipartimento Beach Soccer FIGC-Lega Nazionale Dilettanti Ferdinando Arcopinto, il Sales Promoter MSC CROCIERE Venezia Marco Vedovato, la Co-Marketing and Sponsorship Specialist MSC Emanuela Scotto Di Santo e il General Manager della Sport Promotion & Consulting nonchè Presidente del Comitato Organizzatore Locale Cesare Toso. Moderatore della conferenza stampa il giornalista Rai e membro del Comitato Esecutivo dell’AIPS – International Sport Press Association Europe Gianfranco Coppola. Presenti anche importanti testimonial del mondo dello sport e dello show business tra cui Miss Italia 2013 Giulia Arena che sarà la madrina delle qualificazioni europee di Jesolo e l’ex calciatore di Foggia e Inter Andrea Seno. Proprio Arena e Seno hanno estratto i nomi delle squadre dalle urne riservando un tocco benevolo all’Italia.Claudio Bocchietti, portando il saluto del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Carlo Tavecchio, ha illustrato il connubio indissolubile esistente tra la LND e il beach soccer : « Ringrazio la FIFA per l’opportunità che ci ha offerto, un altro attestato di stima dopo le qualificazioni europee di Bibione e i Mondiali di Ravenna, vuol dire che la Lega Nazionale Dilettanti ha lavorato bene. Questo sport incarna in pieno i valori della nostra istituzione, tanto Fair Play e agonismo genuino, i tratti fondamentali del calcio della LND ». Bocchietti allarga l’orizzonte delle valutazioni : « La prova del nostro interesse per questo sport è il coinvolgimento dell’universo femminile. Siamo uno dei pochi paesi che può vantare tre edizioni del campionato femminile. Un aspetto importante che manifesta apertamente la nostra attenzione per l’altra metà del calcio anche sulla sabbia. Non dimentichiamoci che se il beach soccer vuole diventare sport olimpico deve prevedere anche la componente femminile ». Parole beneauguranti anche quelle del Sindaco di Jesolo Valerio Zoggia : « Prevediamo che nel periodo delle qualificazioni dal 5 al 14 settembre saranno oltre 5.000 le presenze giornaliere nella nostra città legate all’evento. Non posso che ringraziare la federazione, la FIFA, gli organizzatori e tutte le associazioni di categoria che stanno collaborando per la buona riuscita della manifestazione. Sarà un grande spettacolo, noi ci crediamo ». Gabino Renales è ottimista : « Sono sicuro che tutto andrà bene, il beach soccer è sempre andato forte in questo contesto. Il comitato organizzatore è preparato e collaborativo, le premesse per fare bene ci sono tutte. Ricordo a tutti che questa edizione delle qualificazioni europee ai prossimi mondiali saranno le prime che investiranno sedici squadre dopo la fase a gironi fino alla fine della manifestazione. Questo comporterà uno sforzo in più ma aggiungerà spettacolo e competizione ».Alla kermesse ha preso parte anche il ct dell’Italbeach Massimiliano Esposito che non è sembrato preoccupato dall’esito del sorteggio : « Abbiamo l’obbligo morale di qualificarci dopo aver mancato i mondiali del 2013. Rispettiamo gli avversari ma non temiamo nessuno, sappiamo che il beach soccer è uno sport imprevedibile ma noi dobbiamo puntare sulle nostre qualità. Se daremo il massimo allora son sicuro che centreremo l’obiettivo ».Ventiquattro nazionali europee inserite in sei gironi si affronteranno a Jesolo dal 5 al 14 settembre per conquistare i posti utili per la FIFA Beach Soccer World Cup 2015 in programma in Portogallo.L’Italia ha preso parte cinque volte su sette edizioni della massima competizione mondiale di Beach Soccer saltando solo la prima e l’ultima edizione. C’è tano entusiasmo intono alla nazionale azzurra dopo la bella prova sfoggiata nella recente tappa di Euroleague di Catania che ha permesso ai ragazzi di Esposito di qualificarsi per le Superfinal. L’Europa sta facendo la voce grossa nel panorama mondiale della disciplina sportiva estiva per eccellenza, l’ultima finale Mondiale a Tahiti nel 2013 ha coinvolto Spagna e Russia. Quest’ultima ha vinto i recenti due titoli spezzando l’egemonia verdeoro che durava da quattro edizioni. Il primo Mondiale l’ha conquistato la Francia. Il Portogallo è già qualificato alla massima competizione mondiale in quanto paese ospitante della FIFA Beach Soccer World Cup 2015. Altre quattro squadre europee si uniranno ai lusitani per completare il gruppo delle nazionali europee partecipanti ai prossimi mondiali. Saranno 24 i sodalizi in rappresentanza di altrettante nazioni che si daranno battaglia rendendo incandescente la sabbia di Jesolo. Il Beach Soccer è una combinazione perfetta di calcio, festa, scenari suggestivi e gesti atletici. Le caratteristiche del beach soccer sono state pensate per soddisfare il pubblico che può gustarsi lo spettacolo a poca distanza dai protagonisti. La crescita esponenziale di questa disciplina sportiva ha fatto diventare il beach soccer un grande driver mediatico e pubblicitario in poco tempo. Ad oggi il Beach Soccer è seguito complessivamente da più di 250 milioni di persone sparse nel mondo.Spirito di squadra, Fair Play e agonismo sono i punti focali su cui poggia la filosofia dalla BSWW e dei suoi partner tra cui la FIFA per promuovere questo sport in tutto il mondo, a tutte e sei le Confederazioni che fanno parte della FIFA. Ed è solo il punto di partenza per una disciplina sportiva che viene praticata in oltre 130 paesi da uomini, donne e bambini. Dopo le prime tre edizioni del Mondiale (2005, 2006 e 2007) giocate nel luogo di nascita della disciplina ovvero in Brasile a Rio de Janeiro sulla spiaggia di Copacabana, la FIFA Beach Soccer World Cup ha iniziato a spostarsi nel mondo. Marsiglia 2008, Dubai 2009, Ravenna 2011 e Tahiti 2013 hanno ospitato la massima competizione mondiale di Beach Soccer che ormai ha cadenza biennale per permettere di giocare le qualificazioni al grande numero di nazionali coinvolte in tutti i continenti. Un movimento che coinvolge 131 federazioni associate, più di 500.000 spettatori negli stadi ogni anno. Sono oltre 180 i paesi che trasmettono in diretta gli eventi della BSWW per un pubblico televisivo mondiale che supera i 250 milioni di unità. Le splendide spiagge di Jesolo sono pronte per ospitare la competizione che rappresenta il trampolino di lancio per la FIFA Beach Soccer World Cup. La location, una delle più suggestive mete turistiche italiane, sarà il teatro ideale per ospitare undici giorni di sfide emozionanti. La competizione europea più importante nel panorama continentale torna in Italia dopo l’edizione del 2010 tenutasi a Bibione. Le qualificazioni fecero da preludio ai Mondiali che si tennero a Ravenna nel mese di settembre del 2011. 

I GIRONI

GIRONE A Italia, Inghilterra, Grecia, Moldavia

GIRONE B Russia, Bielorussia, Turchia, Georgia

GIRONE C Spagna, Rep. Ceca, Azerbaijan, Bulgaria

GIRONE D Svizzera, Francia, Estonia, Slovacchia

GIRONE E Ucraina, Germania, Norvegia, Lettonia

GIRONE F Polonia, Romania, Ungheria, Austria