Notizie
Categorie: Nazionali

Berretti: Lupa Roma, in zona Cesarini Nuovo evita la prima sconfitta casalinga

Aversa Normanna avanti a tre minuti dalla fine del primo tempo con Venditti, nella ripresa l'undici di Greco trova il pareggio al 6' di recupero



MARCATORI Venditti42’pt (A), Nuovo 51’st (L)

LUPA ROMA Boletta6.5, Losi 5.5 (40’pt Faraone 6), Spuntarelli 5.5, Blasi 6, Falanga 6.5,Lazzazera 6.5, Cucciari 6, Sagnotti 6, Salo 5.5, Petrini 5.5 (18’st Filippelli6), Giustini 5.5 (31’st Nuovo 7) PANCHINATintori, Barillaro, Colicchio, Nigro ALLENATOREGreco 

AVERSA NORMANNASalese 6.5, Del Prete 7, Amitrano 6, Venditti 7, Bosco 7, Celentano 6, Russo 6 (37’ptGranata G. 6), Adrile 6.5, Romano 6, Longo 5.5 (11’st Fiorito De Falco 5.5),D’Ursi 6 (36’st Calvanese sv) PANCHINAGranata A., Cimitile, Palomba, Fabozzi ALLENATOREChianese

ARBITRO Giacobinidi Roma 2, 6

ASSISTENTIGuglielmi e Caprari di Roma 1

NOTE Ammoniti Spuntarelli, Venditti,Falanga, Granata G., Filippelli Angoli5-4 Recupero 3’pt e 6’st 


Ambizioni sfumate e una settimana difficile dietro l’angolo,la Lupa Roma è ad un passo dalla prima sconfitta casalinga della stagione. Difronte l’avversario più temibile di questo inizio di campionato, che confermala caratura dimostrata nei primi 270’ di gioco. Sesto minuto di recupero. Punizionesbilanciata sulla tre quarti sinistra, cross in area di Blasi, batti e ribatticon Salese ancora determinante, la palla carambola a Nuovo che da posizioneravvicinata la spara in porta. Pareggio. La tribuna del Francesca Gianniesplode tirando fuori la propria gioia finora imbavagliata da un risultatoproficuo solo per gli avversari. Pochi secondi e arriva il triplice fischio cheda suono di condanna diventa melodia liberatoria e chissà se ci fossero statialtri minuti da giocare sul groppone. 

La gara. Per il resto, è stata una partita a fasi alternecon l’Aversa Normanna che ha approcciato alla sfida sicuramente meglio deipadroni di casa, mentre nella ripresa i ragazzi di Greco hanno tirato fuori ilcarattere mostrato nelle precedenti partita seppure con minore brillantezza. Leazioni del primo tempo si contano sulle dita di una mano e sono tutte di marcaospite: D’Ursi e Romano i più vivaci nella metà campo della Lupa Roma, ma ladifesa locale lascia pochi spazi agli attaccanti avversari. Come spesso succedeall’undici di Greco, a perforare la porta dei capitolini è un calcio da fermo:punizione dal limite dell’area, Venditti prende la mira e con il destro disegnauna dolce parabola che s’insacca sotto al sette, Bolletta non ci arriva. L’AversaNormanna sblocca così il match a tre minuti dalla fine del primo tempo. Nellaripresa Greco torna al 4-3-3 e la musica comincia a cambiare, la Lupa Romadimostra un piglio più aggressivo, mentre gli ospiti faticano a trovare ivarchi giusti. Col passare dei minuti le squadre si allungano e i rovesciamentidi fronte aumentano. Doppia occasione per i padroni di casa nell’arco di cinqueminuti: prima Petrini, ben servito da Blasi, si lascia ipnotizzare da Salese,poi è Giustini a sparare sul fondo dopo una buona apertura di Cucciari. Al 20’l’occasione più nitida del match della Lupa Roma: ancora Cucciari intercettapalla sulla trequarti, apertura immediata per Filippelli che lascia partire unasassata poderosa, la sfera si spegne poco sopra la traversa. L’Aversa rispondesubito con due conclusioni di Celentano e Granata, ma Bolletta fa buonaguardia. Nei minuti finali il gol di Nuovo regala un punto preziosissimo allaLupa Roma, che al Francesca Gianni resta imbattuta, frenando al tempo stesso lacorsa di un’Aversa Normanna che manca l’appuntamento con il quarto successoconsecutivo.