Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Bilussa porta il Racing Club al secondo posto: il Cynthia si arrende

I giovanissimi di Sandro Tovalieri superano di misura la formazione castellana e si porta ad un punto dall'Aprilia capolista



RACING CLUB - CYNTHIA 1-0


MARCATORI
 16’pt Bilussa 

RACING CLUB Gallo, Scrimieri, Serio, Battiata (27’st Petrella), Columbro, Silvi, Baglio (20’st Alfaro), Mozzi, Bilussa (18’st Pezone), Pellegrini, Cipriani (20’st Morale) PANCHINA Manasse, Cerri, Russo. ALLENATORE Tovalieri

CYNTHIA GENZANO Mogurna, Bruno, Sorbello (20’st Petti), Marcodoppiato (18’st Zaumini), Mazzizi, Y. De Angelis, Cianfanelli (1’st Palazzi), Galli, Petrucci, Quarata, R. De Angelis (10’st Trimarchi) PANCHINA Cinani ALLENATORE De Bardi.  


Sandro TovalieriBuona anche la seconda. Il Racing Club sfrutta al meglio il doppio turno ravvicinato casalingo previsto dal calendario, costringe alla resa la blasonata Cynthia Genzano (1-0) e prosegue a vele spiegate la scalata alla vetta della classifica. La formazione del presidente Antonio Pezone, a seguito di tale risultato, si porta a una sola lunghezza dalla vetta, presieduta dalla neocapolista Aprilia, vittoriosa a sua volta in scioltezza sulla Pro Cisterna, e balza al secondo posto, pur dovendo ancora recuperare la sfida esterna con il Don Bosco Gaeta, a pari merito con il Pontinia, il Selva dei Pini e il Borgo Podgora. Gli ardeatini cominciano la gara con la massima concentrazione e, nei primi dieci minuti, sfiorano due volte la marcatura con Baglio e Bilussa. Il primo semina il panico sulla corsia destra, salta due avversari, si accentra, ma poi sciupa tutto con una conclusione debole e centrale: Magurna para senza problemi. Il numero nove tirrenico, invece, svetta in area più alto di tutti, a seguito di un cross dalla corsia laterale, colpisce di testa, ma non inquadra lo specchio della porta. La squadra di Tovalieri, al terzo tentativo, sblocca il punteggio con lo stesso Bilussa, il quale sfrutta al meglio un assist di Baglio ed iscrive il suo nome a referto con una conclusione di giustezza dall’interno dell’area. Il Racing Club, nei restanti minuti del primo tempo, continua a tenere saldamente in mano le redini del gioco, mette più volte in apprensione la difesa castellana, ma per troppa precipitazione al tiro non riesce ad allungare nel punteggio. Dopo l’intervallo, tutto sommato, la musica non cambia. Gli ardeatini continuano a fare la partita e sfiorano più volte la rete del raddoppio. L’occasione più nitida, tutto sommato, capita a Pezone, subentrato a metà tempo al posto di Bilussa, il quale dà un saggio delle proprie qualità, salta elegantemente tre avversari, ma poi calcia troppo centralmente e favorisce una comoda presa a Mogurna. La squadra tirrenica, statistiche alla mano, gestisce senza particolari problemi la situazione favorevole, ma a cinque minuti dal triplice fischio rischia la clamorosa rimonta: Petrucci si presenta a tu per tu con Gallo, ma spedisce la sfera sul fondo. Il Racing Club, tutto sommato, tira un lungo sospiro di sollievo per via dello scampato pericolo, prolunga con piglio autoritario la striscia vincente e si conferma una delle compagini tecnicamente più organizzate del girone.