Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Blitz biancoviola in quel di Rocca Priora: Bandini affonda la Lupa Castelli Romani

L'Ostiamare supera la compagine castellana con una buona prestazione



LUPA CASTELLI ROMANI – OSTIAMARE 0-1 

MARCATORI Bandini 38’pt 

LUPA CASTELLI Pietrantoni 6.5, Cesaroni 5, Ceraudo 5 (1’st Casu 5), Magrì 5.5, Ciardulli 6, Morelli 5, Gitto 5.5, Ferri 5.5, Marino 5.5 (30’st Diana 6), Salusest 5.5 (15’st Forte 5.5), Chiassarini 5 PANCHINA Felli, Nazio, Savella, Paulucci, Aureli, Vitale ALLENATORE Foschi 

OSTIAMARE Quattrotto 6, Giorgini 6 (30’st Ricci 6) , Fagiolo 6, Vozzi 6 (34’st Colafati 6), Cappabianca 6.5, Volpato 6.5, Bandini 7, Petrungaro 6.5, Ferri 7, Fraschetti 6.5, Fusco 6 (1’st Mangaro 6) PANCHINA Pollini, Del Duca, Ferrari, Armaroli, Prete, Valentini ALLENATORE Franci 

ARBITRO Mattera di Roma 1, 6 

NOTE Allontanato mister Franci per proteste (O). Espulso Morelli (L) AL 27’st per doppia ammonizione. Ammoniti Ferri (O), Fusco (O), Nazio (L), Ciardulli (L), Ferri (L). Angoli 4-6.   


Seconda vittoria consecutiva per l’Ostiamare di Franci che in quel di Rocca Priora porta a casa il bottino pieno in virtù dello 0-1 maturato al Montefiore contro la Lupa Castelli Romani. Un successo meritato per i biancoviola che hanno controllato agevolmente la gara senza rischiare praticamente nulla: alla compagine ospite è mancato soltanto il gol della tranquillità, per il resto l’undici di Franci ha disputato davvero una buona gara. Dalla Lupa Castelli però, ci aspettavamo qualcosina di più. Poche idee, poche occasioni da gol: decisamente una giornata no.  


Davide Ferri © photosportiva.itIl match. Dopo il fischio iniziale del sig. Mattera di Roma, l’Ostiamare cerca di prendere in mano le operazioni e ci riesce facendo suo il pallino del gioco fin dai primi minuti di gioco. La Lupa Castelli cerca per lo più di ripartire in contropiede, ma senza particolare successo: al 15’ la prima occasione da gol è per i biancoviola che dal limite provano a rendersi pericolosi con il talentuoso Ferri, ma il suo destro è troppo debole e il portiere blocca. Passa neanche un minuto e gli ospiti colpiscono il primo (e non ultimo) legno di giornata con un bel tiro al volo di Petrungaro che colpisce la base del palo sotto l’occhio vigile di Pierantoni. La Lupa Castelli non riesce a rendersi praticamente mai pericolosa dalle parti di Quattrotto, Chiassarini lì davanti è abbandonato a se stesso e l’Ostiamare continua a spingere, finché al 38’ non si porterà in vantaggio con Bandini che a seguito di un cross dalla sinistra sfugge al suo diretto marcatore e a pochi passi dal portiere appoggia in rete di testa per l’1-0. I ragazzi di Foschi provano a reagire, ma a parte una situazione di tre contro tre non sfruttata, Quattrotto è uno spettatore non pagante. Nella seconda frazione di gioco la storia del match non cambia, e dopo neanche due minuti l’Ostiamare colpisce un incrocio dei pali con un tiro cross dalla distanza (un po’ casuale a dir la verità). Questo però è un primo campanello di allarme per i castellani che al 23’ rischieranno tantissimo: il biancoviola Ferri, solo in area, scocca un destro a botta sicura, ma Pierantoni è bravissimo nella respinta. La sfera arriva dalle parti di Bandini che non deve fare altro che spingere il pallone in rete, ma incredibilmente il suo tiro termina alle stelle. Per la Lupa la partita è già di per sé complicata e al 23’ lo sarà ancor di più: al 27’, infatti, Morelli si farà espellere per doppia ammonizione lasciando i giallorossi in dieci uomini. Adesso servirebbe l’impresa, ma non sembra la giornata giusta, l’Ostiamare gioca davvero bene, crea tante occasioni, ma non riesce a chiudere la gara: ci prova prima Ferri con una bella conclusione di testa terminata al lato di un soffio e successivamente Cappabianca, sfortunatissimo nel colpire la traversa. Insomma, il colpo del ko non arriva e per poco la Lupa non sfiora un clamoroso pareggio nel finale con Ciardulli: dopo un corner dalla destra il numero 5 salta più in alto di tutti, ma la sua zuccata termina incredibilmente alta per la disperazione di mister Foschi.