Notizie

Borrelli: "Studio Marchetti, mi ispiro a Peruzzi"

Il portiere, unico '98 presente ad Auronzo di Cadore, è intervenuto questa mattina ai microfoni della radio ufficiale della Lazio



Luca Borrelli foto©sslazio.itE' l'unico classe '98 aggregato alla squadra di Stefano Pioli. Grande fisico e una stagione da protagonista negli Allievi Nazionali di Daniele Franceschini, Luca Borrelli, portiere di mestiere, sta vivendo un sogno nel ritiro di Auronzo di Cadore, dove questa mattina al termine dell’allenamento, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel (Sky 233) e Lazio Style Radio 89.3 FM “Essere qui ad Auronzo è un sogno che si avvera" - spiega Borrelli - "dopo anni di settore e di sacrifici sono riuscito a fare qualcosa di bello, devo ringraziare la società per la fiducia. Essendo un tifoso è qualcosa di speciale avere la possibilità di allenarmi con i miei idoli. Quando ho ricevuto la telefonata il primo pensiero è stato quello di non essere adatto, ma subito dopo ho lasciato la paura alle spalle e mi sono buttato con entusiasmo e tanta voglia di lavorare in questa avventura. Avendo la possibilità di allenarmi con un portiere dalla grande levatura mi ispiro a Marchetti ma il mio idolo è Angelo Peruzzi. Sto cercando di imparare il più possibile, qui tutto è oro, ci sono giocatori di altissimo livello, è importante essere qui, devo migliorare tanto. Grigioni cura ogni dettaglio, talvolta è difficile essere attenti su tutto, stiamo curando la tecnica perché sono ancora un po’ grezzo, devo migliorare tanto, specialmente nel gioco con i piedi anche se mi sento forte tra i pali. - continua Borrelli - La mia passione per il ruolo di portiere nasce verso gli 8 anni, guardando Peruzzi che parava cose impossibili con una facilità disarmante. Per me è la prima volta che sono a stretto contatto con i tifosi, è meraviglioso e bellissimo, ti trasmettono la carica e la voglia di venire al campo e dare il massimo. Sto legando con i più giovani ma anche con tutti gli altri, sono tutti delle ottime persone, se possono ti danno una mano”.