Notizie
Categorie: Altri sport

Boxe, trionfa Giovanni De Carolis, è sua la corona intercontinentale IBF dei Supermedi

Il pugile romano conquista una sudata vittoria di fronte ad un Palaolgiata tutto esaurito. Nel sottoclou vittorie per Buccheri, Moncelli e Lezzi



Il neo campione De Carolis con i padroni di casa Verde e Angelucci (Foto © Facebook)E’ vittoria per Giovanni De Carolis, che al termine di dodici intensissime riprese ha la meglio sul serbo Geard Ajetovic e conquista così la cintura vacante dell’Intercontinentale IBF dei supermedi. Ma è soprattutto una vittoria per la boxe: Palaolgiata di Roma, teatro dell’evento, gremito in ogni ordine di posto, tanti gli appassionati della noble art accorsi segno che la voglia di boxe del pubblico romano non è mai scemata. E quando ad organizzare il tutto ci pensa la BBT di Davide Buccioni si può stare certi che la qualità della proposta non deluderà mai nemmeno i palati più raffinati.


Main event. L’incontro principale della serata vedeva contrapposti il romano Giovanni De Carolis ed il serbo Geard Ajetovic, match valido per la corona dell’Intercontinentale IBF dei supermedi. Sin dalle prime battute abbiamo un De Carolis molto aggressivo e dopo pochi secondi dal suono del gong un gancio sinistro del romano va a segno mandando al tappeto il pugile rivale che prontamente si rialza. Nelle riprese successive assistiamo ad un match molto fisico, De Carolis accetta lo scontro corpo a corpo a dispetto delle sue caratteristiche che avrebbero suggerito invece di sfruttare il proprio maggiore allungo, ma storicamente si tratta di uno stile di boxe che il romano ha raramente perseguito. Il serbo si rivela avversario ostico e tenace, dotato di un fulmineo gancio destro che ha costretto l’avversario a sostenere le ultime riprese con un sopracciglio gonfio. Giovanni De Carolis dimostra comunque di avere il match sempre sotto controllo, lavora molto con il fisico e negli ultimi round, quando la fatica comincia a farsi sentire, dimostra di essere tra i due il pugile più lucido. Alla fine la vittoria arriva ai punti, unanime, per la gioia dell’allievo del maestro Mattioli e del numeroso e caloroso pubblico romano accorso a sostenerlo.


Sottoclou. Il primo incontro nel sottoclou, valido per la categoria dei superwelter, vedeva di fronte il pugliese Francesco Lezzi ed il siciliano Luigi Leonardi. Match vibrante sotto il profilo agonistico ma non altrettanto sotto l’aspetto tecnico, da un lato l’allungo di Lezzi a far fronte all’irruenza di Leonardi, vince ai punti il primo che costringe l’avversario a concludere l’incontro con una brutta ferita all’arcata sopraccigliare. Segue poi lo scontro tra il giovanissimo campione italiano dei pesi superwelter Felice Moncelli e l’esperto Sasa Janjic, serbo. Dopo un avvio timido da parte dell’italiano dalla terza ripresa in poi la maggiore classe di Moncelli ha il sopravvento, tanti i colpi a segno ed alla fine vittoria per KOT al quarto round. L’ultimo match prima del main event prevedeva la disputa tra il già campione italiano dei supermedi Massimiliano Buccheri ed il polacco Bartlomiej Grafka, incontro valido per la categoria di peso dei medi. Grafka, dotato di un gran fisico, manovra spesso con il jab sinistro ma Buccheri dimostra di avere pazienza e con il passare delle riprese, grazie al notevole bagaglio tecnico ed all’intelligenza tattica, i colpi andati a segno per l’italiano si fanno sempre numerosi. E la vittoria finale non è mai messa in discussione.


Risultati. Superwelter - Francesco Lezzi b. Luigi Leonardi PTS 6; superwelter - Felice Moncelli b. Sasa Jancic (Srb) KOT 4 (2:33); medi – Massimiliano Buccheri b. Bartlomiej Grafka (Pol) PTS 6; supermedi (Intercontinentale IBF, vacante) - Giovanni De Carolis b. Geard Ajetovic (Srb) UD 12 (115-111,115-112,114-113).