Notizie

​Capitale in musica: gli eventi del weekend

Prosegue la stagione estiva con appuntamenti eccezionali. Scopriamoli insieme



Image titleIl cielo ruggisce, sembra non sopportare l’idea che noi altri ci potremmo spiaggiare come balenottere in difficoltà sulle sabbie del litorale. Lui è triste e vuole compagnia, ma noi non ci vogliamo arrendere, nevvero? Quando è stato l’ultimo sabato sera che avete trascorso a casa? Perché con questa lista ci prefiggiamo lo scopo di salvarvi dalla noia di un weekend di mezz’estate, quindi alzatevi dal divano e mettete mano al portafogli (non necessariamente in tutti i casi), ma solo dopo aver scelto il vostro “muro di suono” preferito fra quelli che stiamo per segnalarvi. 

Sabato 26 

 - Eutropia Festival, Largo Dino Frisullo. Qui dalle 22 in poi ci attende Vinicio Capossela. Non dovrebbero servire presentazioni di alcun tipo, ma per assicurarmi che valuterete bene, aggiungo che è un talento lessicale, che i suoi testi vi faranno girare i neuroni, e che la band che l’accompagna è suadente come una ballerina caraibica. E allora Mambo! 

 - Al Postepay Rock in Roma doppio appuntamento in salsa Worcester per il giovane cantautore inglese George Ezra, che con i suoi recenti successi fra le hit europee aprirà il concerto dei Bastille (temo sia il contrario, ma mi piace pensare che una band prevalga), inglesi anche loro, ma con un sound fra l’alternative pop e il synth pop. 

 - A Villa Ada per la stagione Roma Incontra il Mondo ha chiamato addirittura Salmo per attirare gli alternativi della Capitale. Bastano un tipo smilzo dalla Sardegna, una maschera inquietante e un mare di decibel di dubstep e hardcore rap per sputare fuoco su tutta la villa. Andate o vi verrà a cercare. 

 - Per l’Eclettica Festival c’è Luca Jovine con lasua band. Tanti anni di militanza nei 99 Posse a qualcosa sono serviti, aggiungiamo un pizzico di successo proveniente da The Voice, e adesso Luca è pronto a iniziare una nuova stagione musicale con strumenti al seguito. Appuntamento al Forte Prenestino. 

 - Luglio Suona Bene all’Auditorium Parco della Musica: ne è la prova Herbie Hancock, che negli ultimi anni col suo pianoforte sta vincendo premi a ripetizione con il suo colorato mondo di jazz, funk, fusion e hard-bop. A seguire il grande Wayne Shorter e il suo sassofono jazz d’oltreoceano. 

 - Foro Italico, Gigi D’Alessio riempie ancora le piazze di tutta Italia. Perché non dargli uno stadio allora? 

 - Roma Vintage 2014, doppio concerto con i Church of Misery (band doom metal giapponese) e il frizzante indie rock dei Black Rainbows  

 Domenica 27 

 -A Villa Ada è la settimana dell’italianità evidentemente, perché pur saltando a un genere completamente diverso, dopo Salmo abbiamo un’altra band che si è realizzata da tempo nell’alternative rock con le loro influenze reggae, new wave e punk. Sto parlando dei TARM, altrimenti noti come i Tre Allegri Ragazzi Morti. Assolutamente da vedere 

 - All’Auditorium Parco della Musica riecheggeranno i successi trentennali dei Simple Minds, che così fresconi non sono evidentemente se sono riusciti a “piazzare” 60 milioni di dischi nella loro lunga storia. Band scozzese di primo piano, vi allieteranno con sonorità post-punk e alternative rock. 

 - Al Monk Club interessante appuntamento multietnico e multiculturale: aprono i VadoinMessico (con i soli due componenti italiani) che spianeranno la strada alle Shootin’ Stars, entusiasmante girl band polistrumentista che potrebbe lasciarvi a bocca asciutta… per il talento musicale! (che avevate pensato, lestofanti?) Interessante come si spostino dal loro autodefinito dreamrock al blues, passando per l’antico rock delle grandi donne e chiudendo con ribollenti classici per pianoforte. Un viaggio, se siete pronti ad intraprenderlo. 

 - Per I Concerti Nel Parco dei villa Doria Pamphilij ci aspettano gli Orchestra Tango Spleen, una delle più acclamate realtà internazionali nel campo della musica tradizionale argentina. Ma il tango per loro è anche ricerca, con l’imposizione di una costante evoluzione dello stile. 

 - Eutropia Festival si ammazza dalle risate con i Latte & i Suoi Derivati, nota band demential rock messa su con il celebre duo comico Lillo&Greg negli anni ’90.