Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Capitolina Marconi, l'esordio in B è da applausi

La formazione di Minicucci supera 6-4 la Virtus Palombara nel derby della prima di campionato



La formazione di mister Minicucci ha esordito con una vittoria convincente in Serie BBella, spavalda, giovane ma anche esperta. Di foga, ma anche di lucidità. È questa la prima versione messa in mostra dalla Capitolina all’esordio in cadetteria. Al Pala To Live matura una bella vittoria, di cuore e di nervi, che permette ai gialloneri di cominciare col piede giusto il campionato.


Primo tempo. Con Sordini e Potrich assenti, il primo per squalifica, il secondo per infortunio, Minicucci vara una lista fatta di senior e di altrettanti giovani, alcuni di essi al debutto assoluto in categoria. Ci piace sottolineare fra tutti gli esordi di Cerchiari e Montenero: il primo pupillo del settore giovanile giallonero, il secondo addirittura classe ’98. Dopo una prima fase di equilibrio, la prima vera occasione capita sui piedi di Reali, ma il suo destro d’incontro è ben respinto da Di Ponto. Tre minuti più tardi una conclusione di Angelini fa la barba al palo. È il segnale. La Capitolina prende man mano possesso del campo: all’undicesimo, fuga di Montenero e sassata centrale che trova pronto Di Ponto. È un assedio: Petrucci va ad un passo dal vantaggio, Leonaldi testa i riflessi di Di Ponto, Reali fa 1-0 a 6’ dall’intervallo. La reazione del Palombara porta la firma dell’ex Finplanet Fiumicino, Julio Romanini: tutte e due le volte Blasimme è super. All’intevallo è 1-0 per i padroni di casa.


La ripresa. Neanche il tempo di cominciare il secondo tempo e la Capitolina sfiora il raddoppio: puntata di Reali, tuffo di Di Ponto e tap-in mancato di un soffio da Montenero, il più giovane di quelli scesi in campo. Al terzo, però, pareggia Romanini, lesto nell’avventarsi su un pallone vagante. Ma, così come sarà per tutta la ripresa, la Capitolina reagisce immediatamente: corner, palla per De Cicco e Di Ponto fulminato per il 2-1. Gli ospiti sfiorano il pari con Ricci (palo colpito in pieno) mentre Taloni, dopo aver saltato il portiere, spara a lato in precarie condizioni di equilibrio. All’ottavo è Petrucci, trovato da un’imbucata deliziosa di De Cicco ad allungare sul 3-1. La squadra di Fiore non ci sta e torna sotto: Rocchi spinge in rete il 3-2, Bebetinho fa 3-3 su tiro libero. Sulla conduzione arbitrale ci sarebbe da discutere, ma la squadra è più forte di ogni avversità. Nel momento di maggiore difficoltà, ecco la reazione di rabbia, di istinto, di foga, ma anche di estrema lucidità: Leonaldi ubriaca la difesa e trova il nuovo vantaggio dei gialloneri, ma è dopo il nuovo pari siglato sempre da Bebetinho - ancora su tiro libero – che si concretizza quanto detto in precedenza: i padroni di casa si gettano in avanti senza paura e al termine di un’azione di pura rabbia, trovano il gol del 5-4 grazie a Cutrupi. L’ex Olimpus fa esplodere il To Live, Fiore risponde col portiere di movimento, senza però creare eccessivi grattacapi. Allo scadere gli arbitri concedono un rigore alla Capitolina, sul dischetto va Leonaldi che, fra le grida festanti del pubblico, batte Di Ponto per il definitivo 6-4.

Chi ben comincia è a metà dell’opera? Sì, ma occhio a cullarsi su fantomatici allori, sabato prossimo c’è la durissima trasferta di Fondi.