Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Capitolina, senti Guidotti: “Sfinito dopo il match con l'Orte”

Il vicepresidente dei gialloneri torna sull'ultima partita di campionato e traccia poi un bilancio della stagione



Guidotti Il vicepresidente del sodalizio giallonero parla di questa prima parte di stagione entusiasmante. La squadra vola in Serie B e le emozioni certo non mancano… Proprio nell’ultima partita di stagione è arrivato un rocambolesco 8-6 nel big match con l’Orte.
“Sabato è stata un’altalena di emozioni – racconta proprio Luca Guidotti -. Ho vissuto la sfida intensamente, ne sono stato parecchio coinvolto. Eravamo sopra 3-0 e un po’ come successo a Saviano, per peccati nostri, abbiamo riaperto un match che avremmo dovuto chiudere. Queste sono partite che mi fanno tornare a casa senza energie, sfinito, è come se avessi giocato io, ero distrutto”.  Avanti tre a zero, rimontati fino al tre pari, sotto sei gol a cinque a pochi scampoli dalla fine. Se la Capitolina ha una qualità sopra tutte le altre, è la capacità di reagire, di non mollare mai. “Da una squadra così giovane non se lo aspetterebbe nessuno – prosegue il Vicepresidente -. Tutto, però, dipende dal manico: avere un allenatore come Paolo a gestire un gruppo di ragazzi così, dà quel quid in più per riuscire a sapere sempre cosa fare. Abbiamo un roster con un’età media bassissima: sono contento per i più giovani che si stanno facendo trascinare dai più grandi”.
In alcuni momenti la Capitolina sembra davvero una squadra di ben altra categoria: “Sul tre a zero mi sono rivolto a Mestichella e gli ho detto che noi facciamo davvero un altro sport. Sono stato subito smentito perché l’Orte ha rimontato fino al pareggio. Questo deve esserci da lezione, dobbiamo tutti restare coi piedi per terra. Per fortuna siamo stati ancora una volta più forti, sia degli avversari sia di una terna arbitrale che ne ha combinate di cotte e di crude”.
Superata la metà del girone d’andata, Guidotti traccia un bilancio: “Abbiamo incontrato Isernia, Orte e Palombara e abbiamo vinto sempre. Nei singoli giocatori questa Serie B è di alto valore, ma al momento non vedo un collettivo, un gruppo che possa fare la differenza. Gruppo e collettivo che, invece, sinora noi abbiamo avuto”. Sabato c’è la Brillante Torrino, un derby per continuare a sognare: “Spero nell’ennesima conferma della squadra. Sappiamo che cosa comporta essere primi, anche una notevole pressione. Ma se giochiamo come sappiamo sarà dura per tutti”