Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Cappelli (Aprilia): "Ringrazio mister De Min che mi ha dato fiducia"

Le parole del preparatore atletico delle rondinelle alla vigilia della gara con la Viterbese



Alla vigilia della gara con la Viterbese della scorsa settimana mister Eugenio De Min fece riferimento all’ottimo lavoro Andrea Cappellisvolto dal preparatore atletico della sua Juniores Nazionale, Andrea Cappelli. Siamo allora andati dal diretto interessato per sapere più nel particolare il tipo di lavoro che sta svolgendo all’interno della squadra. A partire dalla condizione attuale dei giocatori e delle metodologie utilizzate per lavorare con ragazzi così giovani: «La quasi totalità della nostra squadra è formata da ragazzi del 1998, quindi di 18 anni, un’età in cui la maturazione fisica è quasi completa. Ma ormai, quando si parla di Juniores Nazionale, i carichi di lavoro vanno rapportati a quelli che si fanno in una prima squadra. L’esempio è la nostra prima squadra, che affronta la Serie D con una rosa composta da molti ragazzi del ’97 e anche del ’98. Abbiamo iniziato molto presto, perché la preparazione a questa stagione è iniziata il 3 di agosto, ma stiamo comunque avendo ottime risposte dai giocatori, la cui condizione sta crescendo ancora. Per questo devo fare un ringraziamento particolare a mister De Min, che ha dato fiducia alle mie idee e con cui abbiamo trovato un’intesa perfetta sul lavoro da portare avanti». Il professor Cappelli è laureato allo IUSM, sta portando avanti il percorso di specializzazione e, come specchio della filosofia intrapresa dalla scorsa stagione dalla società, rientra nel profilo “giovane” che sta caratterizzando questa nuova fase dell’F.C. Aprilia: è infatti del 1989. Ma la giovane età non deve ingannare, perché i programmi di lavoro sono ben chiari nella sua testa: «Il lavoro è stato recepito molto bene dai ragazzi. Nella periodizzazione del lavoro sono previste anche delle settimane in cui principalmente si fa “scarico”, dove si curano gli aspetti più individuali. Ho 25 ragazzi da seguire, ma tutti hanno dimostrato grande voglia di lavorare e, soprattutto, di aiutarmi, perché è il primo anno che lavoro in questa società quindi non li conoscevo. Sono stati tutti fantastici, aiutandomi anche a capire in fretta le esigenze che potevano presentarsi in modo da poter proporre un lavoro il più individualizzato possibile». La partita con l’Astrea di sabato sarà la valida per la nona giornata, quindi un terzo della stagione è già alle spalle e la sosta natalizia si avvicina. Ma non per questo il lavoro di De Min a Cappelli si fermerà: «Così come in prima squadra, anche noi stiamo utilizzando la tecnologia GPS durante gli allenamenti. Questi strumenti ci permettono di capire quali siano le condizioni fisico-atletiche dei giocatori e ci danno un riferimento importante per quando il campionato si fermerà. Con i dati raccolti potremo lavorare per mantenere le condizioni raggiunte finora per poi riprendere il lavoro una volta che la pausa sarà terminata. Un percorso già studiato ad inizio stagione e che sta procedendo finora come preventivato».