Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Caprioli in extremis, la Tor Tre Teste stende il Savio

Una rete del fantasista in pieno recupero regala il successo nel big match a Fabio Tocci. Locali in vantaggio con un rigore di Appodio, per l'undici di Carmelino inutile il momentaneo 1-1 di Lori



NUOVA TOR TRE TESTE – SAVIO         2 – 1 

MARCATORI Appodio rig. 38' pt (TTT), Lori 25' st (S), Caprioli 44' st (TTT) 

NUOVA TOR TRE TESTE Paglici 6, Ciotti 6 (34' st La Penna 6) , Pinto 6, Pochi 5.5, Contucci 7, Pellegrini 6.5, Lo Russo 5, Michettoni 5.5 (29' st Balistrieri 5.5), Lupi 6 (23' st Bertarelli 6), Appodio 6.5 (36' st Caprioli A. 7), Piras 6 (34' st Ingannamorte 6) PANCHINA Di Maulo, Serantoni ALLENATORE Tocci 

SAVIO Caprioli D. 6, Lori 6.5 (43' st Puccianti sv.), Falcone 6 (5' st Marini 6), Picano 5.5, Tirinnanzi 6, Manzelli 5.5 (21' st Cicchetti 5.5), Petroni 6 (29' st Gatta 5.5), Pellegrini 5.5 (9' st Pirri 5.5), Modesti 6, Nargiso 5.5, Dey 5.5 (13' st Rita 6) PANCHINA Scaramuzzino ALLENATORE Carmelino 

ARBITRO Gerges – Roma due 5 

NOTE Espulso al 33' pt Lo Russo per proteste Ammoniti Pinto, Caprioli A., Manzelli, Petroni, Marini Angoli 2 – 4 Rec. 0' pt – 8' st  

Festa Tor Tre Teste © photsportroma.itTor Tre Teste all'ultimo respiro. La squadra di Tocci esce vittoriosa dalla battaglia agonistica in quel di Via Candiani nonostante l'inferiorità numerica accusata per più di un tempo, di fronte ad un Savio mai domo ma molto confuso, soprattutto dalla cintola in su. Un match che si innervosisce parecchio nel caotico finale a discapito del resto del resto della gara, combattuta ma tutto sommato corretta. E' stato forse un intervento eccessivamente fiscale del direttore di gara ad accendere gli animi e a dare la svolta, positiva o negativa che dir si voglia, al resto dell'incontro. In parità numerica, infatti, entrambe le squadre hanno faticato a trovare gli spazi per arrivare davanti alle rispettive porte avversarie, affrontandosi in particolar modo nella zona centrale del campo e consumando talvolta inutili energie spesso in sterili pressing solitari. Poi, a partire dall'espulsione di Lo Russo, per i padroni di casa è sembrato essersi materializzato il Barone Liedholm con la sua celebre affermazione “In dieci si gioca meglio che in undici”. I rossoblu, infatti, da lì in poi hanno cominciato a mettere sempre più in difficoltà gli ospiti, in particolar modo nella ripresa, fino all'incredibile finale.

Primo tempo senza un protagonista ben definito, con le due formazioni che si affrontano a viso aperto ma con la consapevolezza che ogni errore potrebbe risultare fatale. E' la Tor Tre Teste la prima ad affacciarsi in area avversaria: il rinvio di Paglici coglie Piras in area di rigore che tenta il pallonetto con la sfera che termina alta non di molto. Per quanto riguarda gli eventi degni di nota si passa direttamente al fatto che caratterizzerà l'andamento del match. Gerges fischia una rimessa laterale che non trova d'accordo Lo Russo il quale risponde con qualche parola di troppo all'arbitro. Quest'ultimo non si fa di certo pregare e manda il numero 7 rossoblu direttamente negli spogliatoi. Incredibilmente il fattore inferiorità numerica scuote i ragazzi di Tocci che prima ci provano con la punizione calciata da Pochi, poi trovano il colpo di mano in area di rigore da parte di Tirinnanzi sul quale Gerges non ha dubbi: rigore. Sul dischetto si presenta Appodio che non fallisce, portando in vantaggio la Tor Tre Teste in chiusura di primo tempo. Nemmeno il tempo di centrare il pallone che l'arbitro manda tutti negli spogliatoi.

Nella ripresa, dopo un'occasione per parte, il Savio riesce ad essere più intraprendente in zona offensiva e trova il pareggio al venticinquesimo: Modesti tenta il tiro dal limite dell'area di rigore, il pallone carambola,in seguito ad una deviazione, proprio sui piedi di Lori che fredda un forse indeciso Paglici. Uno a uno e vento del match che spinge improvvisamente il Savio. I ragazzi di Carmelino sfiorano il raddoppio un minuto più tardi, con la serie di conclusioni da parte di Modesti, Lori e Marini che vengono fermati da Paglici, super nell'occasione. L'infortunio capitato a Falcone ad inizio ripresa costringe il direttore di gara a concedere ben sei minuti di recupero, che diventeranno otto in seguito. Durante il primo minuto extra è il Savio ad andare vicino alla rete della vittoria, con Pirri stoppato da Contucci, oggi in giornata di grazia. Al minuto numero 44 accade l'incredibile: Pochi prova il destro dalla distanza senza troppe pretese, il pallone viene raccolto da Caprioli in posizione regolare ed in piena area di rigore trafigge l'altro Caprioli – portiere del Savio – facendo esplodere lo Ielasi. I blues di Carmelino provano a reagire in extremis, infatti al minuto 48 sfiorano l'impensabile pareggio in mischia, con Bertarelli che salva la Tor Tre Teste sulla linea di porta, mandandola di fatto a quota nove punti su nove disponibili, allontanando già di cinque punti il Savio. Jacopo Trevisani