Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Carinci - gol! La Vis Artena allontana la zona play out

Successo pesantissimo per i rossoverdi contro l'Albalonga



12a Giornata
1 - 0

MARCATORI Carinci 34'pt 

VIS ARTENA De Santis 6, Russo 7, Sciacca 6, Pomponi 6.5 (12'st Lucchese 6), Molinari 7, Campagna 6.5, Carinci 7 (41'st Farrugio sv), Coculo 6.5 (27'st Falamesca 6), Mazzoni 6.5 (38'st Gandolfo sv), Fiore 5.5 (7'st Mariani 6) Corinaldesi 5.5 PANCHINA Vincenzi ALLENATORE Di Cori 

ALBALONGA Galluccio 6.5, Pistolesi 5.5, Puleio 5.5, Cameo 6, Angeli 6, Vilmercati 6.5, Liardo 5.5 (28'st Leoni sv), Basilotta 5, Pierini 5 (6'st Barbato 5), Marchetti 5 (35'st De Vecchis sv), Longo 5 (1'st Primerano 5.5) PANCHINA D'Agapiti, Ranaldi, Pisano ALLENATORE Ronconi 

ARBITRO Ferrara di Roma 2, 6 

NOTE Ammoniti Pomponi, Corinaldesi, Liardo, Angeli,Barbato Angoli 4-1 Rec 0'pt 4'st Fuorigioco 1-2 


Tre punti pesantissimi per la Vis Artena di Di Cori nello scontro diretto contro l'Albalonga, che viene quindi staccata a quota 11, con i rossoverdi che si portano invece a 14, per una classifica che adesso li vede appaiati al Pomezia e con sei squadre alle spalle. Una decisa inversione di rotta arrivata negli ultimi 4 turni, con tre vittorie ed una sconfitta, per una squadra che, se dopo le prime giornate raccoglieva complimenti per il gioco, ma pochissimi punti, ora può iniziare a giocare anche con la mente un po' più serena. Male, se non malissimo, la formazione di Ronconi che dopo il pareggio con la Perconti è scesa in campo povera di idee e con un atteggiamento scarsamente propositivo. 


Di Cori, allenatore della Vis ArtenaLa gara Parte bene la Vis Artena che sfiora il vantaggio al 6' con una discesa di Carinci che appoggia ai 20 metri per Coculo, che rientra sul destro e prova la botta, ma il pallone finisce sul fondo. Due minuti più tardi ci provano anche gli ospiti con una punizione dalla trequarti che pesca in area Liardo il cui destro al volo viene ben respinto da De Santis in angolo. Il botta e risposta finisce però immediatamente, ma è l'Artena a fare la partita provando a spingere sull'acceleratore, ma perdendosi sempre negli ultimi 16 metri e ricavando solamente, dopo una grande mole di gioco, un colpo di testa di Mazzoni, che finisce sul fondo, mentre è ben più pericoloso in chiusura di frazione quello che poi sarà il match winner del match, Carinci che in corsa spara sui piedi di Galluccio in uscita. Nella ripresa Ronconi prova a cambiare le carte in avanti inserendo Primerano, ma a rendersi pericolosa è solo la Vis Artena. Al 5' i rossoverdi vanno vicinissimi al vantaggio con un calcio di punizione dal limite dell'area, nei pressi del vertice destro, di Russo, che aggira la barriera e dà a tutto il Comunale l'impressione del gol, ma il pallone è fuori di un soffio (tocca l'esterno della rete). Tre minuti più tardi è invece un tiro cross di Molinari, dalla lunga distanza e da posizione decentrata a spaventare l'Albalonga, con Galluccio che deve volare sotto la traversa per mandare in angolo la minaccia. Ancora Vis Artena pericolosa al 15' con Russo che arriva sul fondo, prova il passaggio a centro area per un compagno, ma il pallone schizza fuori dall'area ed arriva sui piedi di Mariani al limite che controlla e prova col destro a cercare il palo più lontano, ma Galluccio è ancora attentissimo e manda in corner distendendosi in tutti i suoi centimetri. Sembra davvero una gara stregata per i rossoverdi, ma al minuto 34, meritatamente, arriva il gol vittoria. Mazzoni prova in corsa dal lato destro dell'area un tiro potentissimo che Galluccio riesce a respingere con difficoltà. Il pallone rimbalza sul terreno e finisce nei pressi del palo opposto, dove Carinci ha solo il compito di spedirlo oltre la linea. A questo punto l'Albalonga, in maniera assolutamente disordinata, prova il tutto per tutto nei dieci minuti più recupero rimanenti e sfiora il colpaccio proprio al 90' quando Puleio viene lasciato colpevolmente solo dalla difesa di casa su un lancio dalle retrovie: colpo di testa fuori di un soffio. I padroni di casa tirano un sospiro di sollievo e, al 48', vanno vicini al raddoppio con Farrugio, il cui diagonale viene bloccato da Galluccio.