Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Carlisport Cogianco, nove gol all'Acireale e due baci al cielo

La formazione di mister Micheli travolge i siciliani e dedica la vittoria a Richartz e al presidente onorario Giannini, dopo i lutti che li hanno colpiti



Image titleLa Carlisport Cogianco travolge con un chiaro 9-0 l’Acireale e apre il 2015 delle sue gare ufficiali nel migliore dei modi. Prima dell’inizio del match il PalaCesaroni è tutto in piedi ad osservare il minuto di silenzio in memoria del papà del laterale Renato Richartz e della nonna del presidente onorario Carlo Giannini, scomparsi in settimana, mentre la squadra indossa la fascia nera del lutto al braccio. Per i sostenitori castellani (molto “british” nel loro sostegno alla squadra) non c’è nemmeno il tempo di accorgersi che manca Paulinho dai “magnifici 12” (probabilmente risparmiato in vista di Catania in quanto diffidato) che Vizonan ha già fatto esultare la sua squadra per due volte in 1’30’’. Nel primo caso “Duracell” ribadisce in rete dopo un precedente tentativo respinto dal palo, nel secondo sfrutta un tiro-cross di Ruben e realizza il 2-0. La giornata di grazia del “Re Mida” della Carlisport Cogianco non è ancora finita: al 5’20’’ si gira e fulmina il portiere siciliano con un destro dal limite, al 12’ tocca sotto porta siglando il 4-0 e il suo personale poker che gli vale quota 15 reti in stagione. La Carlisport Cogianco ha una grinta, una determinazione, una concentrazione, una ferocia (e anche un giro-palla rapido) come raramente si è visto nel girone d’andata. E soprattutto non fa sconti al malcapitato avversario di turno. Non è un caso che già prima dell’intervallo arrivino due gol di Everton, uno di Ippoliti (su un assist di Borsato) e poi due gol dello stesso bomber, l’ultimo dei quali (al minuto 19’45’’) realizzato con uno splendido destro volante sulla scucchiata “a memoria” di Richartz. Con queste due reti Borsato raggiunge quota 18, non lontano dai 21 della coppia composta da Scheleski (Augusta) e Quinellato (Belvedere). Sul punteggio di 9-0, la seconda frazione si trasforma in un allenamento buono per dare ampio spazio al giovane Batella e per fare un’ampia rotazione anche se nel finale Boaventura rimane acciaccato per un colpo alla caviglia. Sabato prossimo si va a Catania, prima del turno di sosta: la Carlisport Cogianco non vuole commettere errori.