Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Carlisport Cogianco. Paulinho: "Il 2015? Vincere Coppa e campionato"

Intervista al giocatore castellano a pochi giorni dall'inizio del girone di ritorno contro l'Acireale, che arriverà sabato al Pala Cesaroni



Image titleSi è aperto con un’amichevole vittoriosa col Fondi (5-0 al PalaCesaroni sabato scorso) il 2015 della Carlisport Cogianco che dovrà essere un anno molto importante considerato che la squadra, attualmente prima nella A2 con Belvedere e Salinis e nella Final Eight di Coppa Italia, punta a entrambe le competizioni. «L’augurio per il 2015? Che quest’anno ci dia il meglio per tutti, in poche parole vincere tanto e alzare due trofei» dice l’universale ex Lazio Paulo Henrique Da Silva, per tutti Paulinho. Durante la sosta la squadra castellana ha affrontato due partite non ufficiali incrociando l’Ardenza oltre al Fondi. «Gare utili per non perdere il ritmo gara – dice Paulinho – mentre la pausa ci ha permesso di lavorare dal punto di vista fisico e mettere a punto la condizione. La sconfitta nel derby contro l’Isola prima della sosta è stata pesante, ma uniti se ne esce e dobbiamo cercare di imparare dagli errori commessi». L’aspetto che dev’essere migliorato, per Paulinho, è principalmente uno. «Serve maggiore cattiveria sotto porta, ma comunque rimaniamo consapevoli della nostra forza e guardiamo avanti con molto ottimismo». La prima gara del 2015 arriverà sabato: al PalaCesaroni di Genzano, alle ore 15, sarà di scena l’Acireale per l’inizio del girone di ritorno. All’andata la squadra di mister Mauro Micheli si impose con un convincente 6-2. «Il girone di ritorno è sempre più difficile perché crescono le motivazioni di tutte le squadre che si affrontano. Di fronte avremo una squadra ostica che sicuramente alzerà le barricate a livello difensivo cercando di metterci in difficoltà da quel punto di vista. Noi questo tipo di partite, finora, le abbiamo un po’ sofferte, ma – conclude Paulinho - stiamo lavorando per trovare nuove soluzioni e cercare di sorprendere gli avversari».