Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Carso, impresa in via della Pisana: 1-1 con l'Urbetevere

I gialloblu sbagliano tantissimo in impostazione e vengono imbrigliati dall'organizzazione tattica dell'undici di Ferullo. Anastasio sblocca, Trippa pareggia dal dischetto



11a Giornata - 30 nov 2014
1 - 1

MARCATORI Anastasio 7' pt (U), Trippa 29' pt rig. (C) 

URBETEVERE Piccheri 6.5, Pinna 5.5 (21' st Corsini) 6.5, Valeri 6 (39' st Buffa sv), Tortora 6.5, Angelelli 6, Tammaro 5.5, Anastasio 6.5 (31' st Odorisio sv), Rondoni 5 (14' st Orlanno 5.5), Coccia 6, Silva Mendes 5.5, Tortora 6 (14' st Longhi 6.5) PANCHINA Savioli, De Santis ALLENATORE Barba 

POLISPORTIVA CARSO Testa 6.5, Persechini 6, Pancrazi, Trippa 7, Veroni 6.5, Capocelli 6.5, De Franceschi 6 (37' st Straolzini sv), Marcucci 6, Bersaglini 6 (42' st Caparone sv), Vannozzi 5.5 (17' st Martone 5.5), D'Amato 6.5 PANCHINA Matrone, Tofani, Gioia Nesti ALLENATORE Ferullo 

ARBITRO Maiulo di Civitavecchia, 5.5

NOTE Ammoniti Tammaro, Martone , Silva Mendes Angoli 7-2 Fuorigioco 1-0 Rec. 0' pt, 3' st

Barba amareggiato © photosportroma.itImpresa della Polisportiva Carso che strappa un punto in casa dell'Urbetevere giocando una gara di grande concentrazione ed organizzazione tattica. La formazione di Barba, reduce dalla grande vittoria in casa Perconti, non è brillante come nelle precedenti gare di campionato, è più imprecisa del solito in impostazione e nella ripresa non riesce a trovare la via della vittoria sbagliando tantissimo negli ultimi sedici metri avversari. Merito, però, anche dell'undici di Ferullo, che concede pochissimi spazi e porta a casa un risultato in fondo meritato.

Passano pochi secondi e arriva il primo squillo del match. Sono gli ospiti a provarci dalla distanza con D'Amato, ma Piccheri è attento e blocca in presa plastica. La formazione di casa, però, prende immediatamente in mano il pallino del gioco e dopo appena sette minuti è già in vantaggio. Corner dalla sinistra di Silva Mendes che Testa prova ad allontanare con i pugni, il pallone resta in area e Anastasio è il più lesto ad impossessarsene e a ribadire in rete da due passi. Il Carso sbanda per qualche istante e al 17' è Pinna a tentare la fortuna dalla distanza, ma la mira è sballata. Con il passare dei minuti, però, il Carso prende coraggio e alza il baricentro sfiorando il pari al 21' con una magistrale punizione di D'Amato, ma la traversa salva Piccheri. I gialloblu non riescono ad imprimere la consueta intensità alla loro prestazione, gli ospiti ne approfittano e trovano il pari. Tammaro interviene in maniera scomposta su Bersaglini e per il direttore di gara è calcio di rigore. Dal dischetto Trippa resta freddo e firma l'1-1. La gara è equilibrata, Coccia manca la deviazione da due passi permettendo a Testa di salvare il risultato, gli ospiti rispondono con un'altra bella iniziativa di D'Amato al 36', che semina il panico tra le maglie avversarie costringendo Piccheri al grande intervento con un bel destro dal limite. Ne finale i giallolu tentano il forcing per chiudere la frazione in vantaggio ma senza pungere, con le due formazioni vanno all'intervallo con il punteggio in perfetta parità.

Se ad inizio ripresa ci aspettavamo un approccio più aggressivo dei padroni di casa, c'è invece da registrare la capacità della fomazione di Ferullo di restare sul pezzo nonostante il tentativo di pressing della squadra di casa. Il Carso ribatte colpo su colpo anche se intorno al 10' è fortunato. Bella iniziativa di Tortora che si incunea in area, ma strattonato da un avversario non trova il tempo giusto per calciare favorendo l'uscita di Testa. Un penalty abbastanza evidente, con il direttore di gara che lascia correre. Sull'altro versante è ancora D'Amato il più pungente, ma la difesa di casa non concede nulla se non un tiro alle stelle dello stesso numero undici al quarto d'ora. Barba inserisce forze fresche, puntando su Orlanno, Longhi e Corsini. La squadra aumenta il ritmo, proprio Orlanno per poco non approfitta di un'uscita a vuoto di Testa per correggere in rete, mentre al 26' Silva Mendes non trova lo specchio da buona posizione non sfruttando al meglio una punizione dal limite. Stessa sorte al 28', pur se da posizione più centrale. Con il passare dei minuti il Carso crede nell'impresa e si difende con il cuore oltre che con l'organizzazione. L'Urbe invece sembra farsi prendere dalla frenesia, negli ultimi sedici metri manca precisione nei passaggi e le occasioni da gol latitano. Al 33' è il neo entrato Odorisio ad avere la palla buona, ma il suo diagonale è troppo morbido per impensierire Testa. In pieno recupero l'occasione più grande. Corsini irrompe centralmente, il pallone arriva a Orlanno che libera il destro ma la sfera sfiora il sette uscendo per pochissimi centimentri. Centimetri amari per l'Urbetevere, dolcissimi per il Carso, che trova un pareggio inaspettato al cospetto di una delle grandi del campionato.