Notizie

Celebrata anche nel Lazio la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Un collage di iniziative, tutte diverse ed interessanti, hanno coinvolto i principali centri della regione, con lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica contro il tema del femminicidio: le più caratteristiche a Roma, Cassino e Rieti



L'installazione antistante il Comune di Cassino (© Pagina Facebook "Cassino Comunica")


Mercoledi scorso è ricorsa la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: anche nella Regione Lazio c'è stata ampia adesione a tale momento, con una serie di iniziative volte a sensibilizzare l'opinione pubblica. Iniziando da Cassino, la sensibilità dell'associazione "Il Mosaico" ha permesso anche alla cittadina del basso Lazio di celebrare adeguatamente tale appuntamento con un segno visibile a tutti i cittadini, attraverso una scenografia che ha fasciato l'ingresso della Casa comunale, volta a comunicare un messaggio positivo, fatto di amore, vita e passione, grazie all'estro di Stefania Savelloni, che è anche la presidente dell'associazione promotrice. L'iniziativa, che si inscrive in un contesto che va a valicare i confini nazionali, va a farsi anche un messaggio sociale e culturale contro i fatti di violenza di genere e di femminicidio che purtroppo stazionano a cadenza quotidiana sui mass media. Non si tratta ad ogni modo della sola manifestazione di tale tipo nella Regione Lazio: Roma stessa ha aderito all'iniziativa attraverso una mostra fotografica legata all'universo femminile ed alla dignità della donna: l'esposizione si è tenuta presso il Chiostro del Bramante ed ha avuto come protagoniste una serie di donne "normali" scelte tra utenti dei principali social network che hanno voluto aderire al progetto #ConLeDonneXLeDonne, favorendo così il lancio di un messaggio "dallo scatto fotografico allo scatto culturale". Ancora, dalla Capitale è risuonato il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il quale ha ribadito che "contrastare la violenza sulle donne è un compito essenziale di ogni società che si proponga la piena tutela dei diritti fondamentali della persona. L'educazione al rispetto reciproco - ha proseguito il Capo dello Stato - nei rapporti personali e nelle relazioni sociali, è alla base del nostro vivere civile. La violenza sulle donne è un fenomeno sociale ingiustificabile che attecchisce ancora in troppe realtà, private e collettive e nessun pretesto può giustificarla. Si tratta di comportamenti che vanno combattuti fermamente. La scuola e le altre attività in cui si esplica la crescita della persona devono essere in prima fila contro ogni forma di violenza, pregiudizio e discriminazione". A Rieti invece, la consigliera comunale con delega alle Pari opportunità, Pamela Franceschini, in collaborazione con la Casa del Volontariato, ha avuto un incontro di sensibilizzazione e informazione con circa 200 studenti degli Istituti scolastici superiori della città. Svoltosi nella mattinata presso l'aula magna dell'Istituto IPSSEOA Costaggini di Rieti, l'incontro ha avuto come titolo “Attenzione!” La violenza non è altrove, è vicino a noi". Protagonisti studentesse e studenti insieme alle associazioni operanti all'interno del territorio reatino.