Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Certosa - Palestrina, a Centocelle l'ultimo traghetto per l'Elite

Nel Girone A, il Guidonia è già matematicamente retrocesso. Domenica, nel B, i viola e gli arancioverdi si sfideranno per evitare l'incubo della retrocessione diretta



Il campionato ormai è agli sgoccioli, mancano soltanto tre gare alla fine e mai come quest’anno il discorso playoff è chiuso. Niente bagarre, niente scontri dell’ultima giornata, la griglia per la post season è praticamente già definita mentre si fa sempre più interessante la lotta per conservare la categoria. Oggi ci soffermeremo sul sedicesimo posto, il più temuto in assoluto. Niente ulteriori speranze, niente seconde chance. Se finisci in sedicesima posizione, ovvero in coda alla classifica, non ti resta che dire addio all’Elite. Andiamo a vedere nel dettaglio com’è la situazione nei due gironi.  

Il CertosaChi farà compagnia al Guidonia? Eh già, perché nel girone A non c’è più niente da fare per i giallorossi, condannati già matematicamente alla retrocessione. Il club del presidente Bernardini non è mai riuscito a imporsi in questo campionato. Qualcosa sembrava essere cambiato a dicembre dopo aver inanellato quattro punti in due partite (pari interno con il Monterotondo e successo in trasferta, l’unico, contro l’Aurelio Fiamme Azzurre), ma è stato soltanto un fuoco di paglia. Sette punti in ventisette gare sono pochi per restare in categoria, il prossimo anno si ripartirà dai Giovanissimi Regionali.
Discorso completamente diverso invece per il girone B. E’ una sfida a due, un testa a testa per la sopravvivenza tra Certosa e Palestrina, entrambe alla ricerca disperata dei playout. I viola e gli arancioverdi, con 17 punti all’attivo, sono appena entrati in una settimana fondamentale per la stagione. Domenica, infatti, in via di Centocelle scenderanno in campo uno contro l’altro in uno scontro diretto che potrebbe risultare decisivo. Al Certosa potrebbe bastare anche un pari avendo vinto il match dell’andata 2-1, mentre il Palestrina deve assolutamente fare bottino pieno per sperare nella salvezza ai playout. Come finirà? Le statistiche dicono che l’undici prenestino non è nuovo a imprese a domicilio, basta pensare ai successi ottenuti contro Fortitudo Roma, San Donato Pontino e Futbolclub o alle ottime prestazioni che hanno portato un buon punto a Carso e a via Farsalo contro la Romulea. Insomma, l’esito è in bilico, adesso non resta che aspettare domenica per il verdetto finale, affidato, come sempre, al giudice più importante: il campo.