Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Cinque posti già assegnati: ne resta soltanto uno

La vittoria della Romulea e quella del Ladispoli, vicinissimo alle finali, hanno acceso la volata per l'ultima posizione utile per la qualifiazione alle finali regionali. E domenica c'è Romulea - Ostiamare



L'esultanza della Romulea al Testa © Laura Del GobboLa Romulea espugna il Testa, lancia il Ladispoli verso le finali e dei sei posti disponibili per la final six che ci svelerà i nuovi campioni regionali allievi, di posti disponibili ne resta solo uno. Tutto ruota intorno al risultato di via del Baiardo questa settimana. Lo 0-2 con la quale la formazione di Catini ha vinto il big match di giornata pesa come un macigno nell'economia della volata finale. La Tor Tre Teste è già andata da un pezzo, il Ladispoli sembra essere l'unica avversaria in grado di garantire una certa continuità al suo cammino, le prime tre del girone A continuano a fare corsa da sole (l'ultima a tenere è l'Atletico 2000, ma dieci punti di distacco sono troppi), così la sesta finalista uscirà con ogni probabilità da una rosa di tre squadre, forse cinque: le due sfidanti dello scorso weekend, il Savio, l'Ostia Mare e il Civitavecchia.

I nerazzurri sono la formazione abituata meno a gestire questo tipo di pressioni. La sconfitta subita in casa proprio contro il Ladispoli è stata abbastanza netta e manca ancora quella continuità nei match sulla carta “semplici” per dare fastidio alle big. La strada tracciata è quella giusta, sia per il presente che per il futuro, ma ancora manca quel pizzico di convinzione nei propri mezzi decisiva per compiere il definitivo salto di qualità, soprattutto nella gestione dei match sulla carta più semplici. Il Savio non sta attraversando un buon momento, l'addio di Carmelino sembrava essere stato assorbito dal gruppo che ha risposto vincendo in casa dell'Ostia Mare poi, complice anche un calendario non semplice ha ritrovato il successo solamente ieri dopo cinque turni a secco. Sicuramente delle pretendenti il gruppo di Bolic è quello che godrà di un finale di stagione più semplice, ma serve una mano da chi sta davanti. Il Tor di Quinto, attualmente sul podio, è una formazione difficile da valutare. Partita in sordina stava attraversando un ottimo momento, lo scivolone di domenica pomeriggio potrebbe aver minato certezze che i rossoblu avevano trovato strada facendo e il piccolo punto di vantaggio è un margine esiguo da gestire. Potenzialmente è una rosa che può giocarsela con tutte, lo dimostra il successo ottenuto contro la Tor Tre Teste capolista, ma il ko di domenica potrebbe far riaffiorare quei problemi di concentrazione che sono stati il cruccio di questa stagione.

Così, se oggi dovessimo puntare su una delle pretendenti alla qualificazione, forse sceglieremo la Romulea. Prima di tutto perché una vittoria come quella del Testa regala una folata di entusiasmo che aiuterà senza dubbio gli amaranto oro nelle prossime settimane. La seconda è perché Catini, che è riuscito a restare incollato al treno giusto nonostante una serie di infortuni in grado di scoraggiare chiunque, sta ritrovando l'assetto ideale e per lo sprinti finale potrà puntare anche su Fortuna, un esterno in grado di fare la differenza e tra i migliori prospetti di questa annata, che sembra essere ormai sulla via della guarigione dopo il grave infortunio al ginocchio che lo aveva tenuto fuori a lungo. Chiudiamo con l'Ostia Mare. Per Patanella i crucci sono quelli dello stesso Catini, che ritroverà da avversario al campo Roma in un match assolutamente da vincere per non cercare di restare nella bagarre: tanti, troppi problemi fisici per garantire quella continuità necessaria per aggiudicarsi uno dei pass. I biancoviola, inoltre, proprio domenica hanno gettato alle ortiche un'importantissima chance, cadendo in casa contro l'Aurelio. Una mazzata dura da digerire e da metabolizzare. Serve fare in fretta, però, però, la trasferta sul campo Roma ha già il sapore del dentro o fuori. E per restare dentro c'è un solo risultato utile...