Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Città di Ciampino, Gigi Colantuoni fissa l'obiettivo

L'allenatore della seconda della classe: "Vogliamo rimanere con il fiato sul collo del Praeneste in attesa dello scontro diretto"



Il tecnico ColantuoniVola la Juniores provinciale del Città di Ciampino che sogna il salto nella categoria regionale. Il gruppo di mister Gigi Colantuoni è secondo ad un punto dalla capolista Praeneste e vuole provarci fino in fondo. «L’idea sarebbe quella di arrivare allo scontro diretto in questa situazione e poi provare il tutto per tutto» è il “piano” dell’allenatore che da quando è arrivato ha ottenuto sei vittorie e un pareggio in sette partite. L’ultimo successo, datato sabato scorso, contro l’Olevano. «Abbiamo vinto 4-0 e la gara è stata a senso unico sin dall’inizio – sostiene Colantuoni – Già all’intervallo siamo arrivati sul doppio vantaggio, poi nella ripresa abbiamo legittimato la vittoria». Per il Città di Ciampino sono andati a bersaglio De Nigris (autore di una doppietta) oltre a Spinelli e Terzulli: il sogno del primo posto è sempre vicinissimo. «Il Praeneste ha dimostrato di essere una squadra molto forte che raramente perde punti. Ma se noi siamo sulla loro scia vuol dire che abbiamo fatto le cose altrettanto bene. Sono molto contento delle risposte che hanno dato i ragazzi da quando sono arrivato, si stanno allenando bene e i risultati del campionato sono la conseguenza del loro comportamento». Nel prossimo turno il Città di Ciampino è atteso dall’insidiosa trasferta a Segni. «Giocheremo su un campo difficile e, anche se affronteremo una squadra di metà classifica, non potremo certamente abbassare la guardia. E’ una partita da prendere con le molle e sarà uno degli ostacoli da saltare da qui allo scontro diretto». Guadagnare il titolo regionale sarebbe veramente il massimo per il gruppo di mister Colantuoni. «Faremmo un gran regalo alla società: se tutto va bene avremo una prima squadra in Eccellenza e in quest’ottica una Juniores regionale sarebbe molto importante perché vorrebbe dire avere giocatori giovani validi per stare anche nel giro dell’Eccellenza e farli crescere in un campionato certamente più testante».