Notizie

Città preistorica, La Sapienza terra di... dinosauri

In corso, fino al prossimo 31 maggio, una mostra-evento che espone ricostruzioni iperrealistiche a grandezza naturale ed eventi speciali sui celebri rettili del passato



Allosaurus ©Foto di A. GiamborinoCosa succederebbe se, tutt’ad un tratto, i dinosauri irrompessero all’interno della “Sapienza”? Paura, sgomento, panico e terrore sareste portati a pensare... ed invece non è così: la presenza di questi antichi e leggendari rettili di proporzioni titaniche presso la sede centrale del Primo tra gli Atenei romani sta suscitando una prevedibile ondata di interesse da parte dell’opinione pubblica. Difatti, a partire dal 27 dicembre 2014 si è avviato presso la Città universitaria di Roma un percorso eccezionale con ingresso dal Dipartimento di Scienze della Terra. E non si tratta di un qualcosa di noioso: tale percorso trova una delle sue punte di eccellenza nella presenza di ricostruzioni iperrealistiche in scala 1:1 di animali preistorici dell’Era mesozoica, cui vanno ad aggiungersi anche altre specie oggi estinte. L’evento è un trionfo del Made in Italy, in quanto realizzato da Paleontologi professionisti. Ma “Dinosauri in carne ed ossa” – questo il nome della kermesse – non si basa solo su ricostruzioni grandiose: la mostra è completata da Gallerie di Paleoarte con introduzione alla Paleontologia, special su animali estinti e fossili dai quali viene poi spiegata la modalità di ricostruzione dei dinosauri. Insomma, un percorso inedito che muove da una location di assoluta eccezione quale il complesso della Città universitaria, abitualmente consacrata alla formazione accademica dei nostri giovani. La mostra è curata da Simone Maganuco e Stefania Nosotti, mentre la realizzazione pratica si deve a Geo-Model in collaborazione con i Dipartimenti di Scienze della Terra e Biologia ambientale della “Sapienza”. Sul piano didattico, la Mostra si avvale della collaborazione con l’Associazione Paleontologica A.P.P.I. mentre in termini di Patrocinio si avvale di un Comitato scientifico e di partners di livello quali il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze oppure la Società Paleontologica italiana. “Dinosauri in carne ed ossa” sarà visitabile fino al prossimo 31 maggio: essa apre il venerdì dalle 14,30 alle 17,30 (con ultimo ingresso alle 16,30) ed il sabato-domenica-festivi dalle 10,00 alle 17,30; nel corso della settimana la mostra è aperta su prenotazione a scuole e gruppi.