Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Classifiche e risultati: pensiamo a questo, che è meglio...

In archivio un'altra pessima giornata sul lato disciplinare. Torniamo a pensare a quanto accaduto sul campo nei due gironi



Ci lasciamo alle spalle un altro sabato di polemiche. Purtroppo. Il secondo su otto, non è affatto una bella media. Il Andrea Persia (V.Perconti) ©gazzettaregionale.itcompito sarebbe parlare di calcio, ma viene difficile non soffermarsi su quanto accaduto al Castelli. Che poteva accadere ed è accaduto ovunque. Che purtroppo riaccadrà. Il giudizio va oltre i protagonisti in scena ed è volto a riscoprire una rinnovata consapevolezza fra tutte le parti in gioco. Lo sport fa fermare guerre ed avvicina i popoli. Sa di frase fatta e non ne nascondiamo la provenienza, ma a far da traino abbiamo una interminabile serie di eventi che confermano pratica e tesi. E' successo, punto. Ognuno pagherà le sue conseguenze in relazione al provvedimento. Un dato di fatto che chiude ogni discorso e che, fin quanto possibile, farà intendere ancora una volta quanto di sbagliato ci possa essere nel mettere in pratica simili atteggiamenti. Capitolo chiuso, spazio al campo. 


La classifica non è importante, è l'unica cosa che conta I conti nel frattempo si fanno nella graduatoria del girone B. Una Vigor Perconti motivata ed affamata si è presa i tre punti a Cassino ed è tornata al comando. I blaugrana di Persia continuano a ribadire la loro forte candidatura da leader, affiancati da un Atletico 2000 che inizia ad essere meno sorprendente di quanto fosse all'inizio. La formazione di Boncori è lassù. Partita a fari spenti si trova a battagliare e a fare da spartiacque (verosimilmente) proprio tra i campioni d'Italia e la Tor Tre Teste, altra candidata forte, ma che ha ancora bisogno di un paio di strigliate. Il pareggio tra Fortitudo e Pomezia lascia sicuramente dell'amaro in bocca al team di Belli, ma non è comunque un risultato da buttare. In partenza non si accetta mai nulla, ed un segno X contro chi è comunque al momento in corsa per le zone nobili poteva anche essere sottoscritto prima del fischio d'inizio. La mantenuta imbattibilità è comunque indice di una squadra in salute. Queste ultime tre formazioni si daranno probabilmente battaglia ancora per un po'. Arriva un mese in cui qualcosa verrà fuori, sicuramente non in maniera decisiva. L'obiettivo di ognuna delle tre è di andare avanti al meglio delle possibilità, con gli scontri diretti che faranno la differenza. Nelle zone basse, dal Falasche all'Unipomezia (che non parte benissimo dopo il cambio dell'allenatore) possono respirare, più in basso c'è già qualche criticità in più.

La spaccatura  Seppur per un solo punto di differenza, il raggruppamento centro-nord ha trovato la misura tra Ladispoli (foto ©Lori)un'ipotetica fascia play off e la mezza classifica. Col successo del Ladispoli nel derby contro il Fregene, i numeri dicono che ci sono al momento 6 formazioni per 3 posti, con il loro gruppo che ha una gara di vantaggio (3 punti) sulla seconda fascia della graduatoria, capeggiata da MontefiasconeBoreale ed Atletico Fidene. Nell'altro girone la differenza è di 2. Tor di Quinto ed Accademia vanno sul velluto, il Grifone non sbaglia, il Certosa trema un po' ma alla fine centra la vittoria. Queste cinque difficilmente le vedremo più in basso. Le squadre di Radi e Papotto si affronteranno sabato in un bel testa a testa che ha tutte le sembianze di un turno play off anticipato, con la formazione di Ranalli che dovrà essere brava a non farsi sorprendere dalla tosta trasferta di Fiano e con l'altra capolista che non può proprio sbagliare, visto l'impegno al Testa col Villalba, che con Atletico Acilia e Tor Sapienza inizia già a preoccuparsi...