Notizie
Categorie: Altri sport

Colonna, l'U12 di Cannuccia è pronta a stupire

Parola all'allenatrice della formazione castellana, ormai da tanti anni al lavoro con i colori biancoblu



La “base” del Colonna è in grande fermento. Non solo l’Under 18 e l’Under 16 allenate da coach Mimmo Olivetti che hanno già cominciato le “fatiche ufficiali”, ma anche dei numerosi gruppi Under 13, Under 12 e minivolley affidati a una delle “figure storiche” della società, vale a dire Maria Teresa Cannuccia. "In effetti sono qui al Colonna da tantissimi anni, prima come giocatrice e poi dal 2007 come allenatore. Ormai questo club è parte integrante della sottoscritta, pure quando vado a correre giro sempre intorno al pallone polivalente" sorride il tecnico che poi entra nello specifico dei gruppi da lei allenati con la preziosa collaborazione del professor Mario Alonzo. "Per il minivolley, ovviamente, l’obiettivo è quello di crescere. 

Le formazioni Under 12 e Under 13 del ColonnaIl grosso di questo gruppo era con noi già nella scorsa stagione e altre piccole atlete si sono aggiunte in quest’annata: chiaramente c’è tanto da migliorare, ma se continuano ad impegnarsi come stanno facendo ci possiamo togliere delle belle soddisfazioni". Chi giocherà campionati agonistici (e farà dunque sul serio) è la selezione dell’Under 12 e della 13. "In realtà si tratta dello stesso gruppo che giocherà in due categorie diverse. Nell’Under 12 ci aspettiamo che possa ben figurare, visto che per la categoria è una squadra molto “esperta”, nel senso che l’ha già giocata e quindi la conosce bene. Differente il discorso per l’Under 13 che di fatto è “novizia” per la categoria e dunque bisognerà vedere come si abituerà alle avversarie, generalmente più grandi, e soprattutto al campo di gioco che per loro diventa quello regolare (mentre nell’Under 12 è “tagliato” di un metro, ndr)". Al di là dell’aspetto tecnico, per la Cannuccia è fondamentale un altro punto. "Il divertimento è imprescindibile e allo stesso modo ritengo decisivo anche il fare squadra, entrare in totale sintonia con le compagne, altrimenti si perde il senso più alto di questo sport".