Notizie

Come cambia la viabilità del Tridente: Ztl più ampia e cinque nuovi accessi

Via Ripetta, via Capo le Case, via Condotti, via dei Pontifici e la salita di San Sebastianello saranno presidiati dai vigili fino al 7 gennaio, poi saranno attivati i varchi elettronici



Il TridenteL’area del Tridente Mediceo ha una nuova viabilità. Da oggi e per una settimana le nuove disposizioni vengono testate sul campo per poi diventare definitive dalla prossima settimana. La riorganizzazione della viabilità prevede la revisione del perimetro della vigente ZTL “A1” e il controllo di 5 nuovi accessi posizionati in via Ripetta, via Capo le Case, via Condotti, via dei Pontifici e la salita di San Sebastianello, presidiati dalla Polizia Locale fino al 7 gennaio 2015, giorno in cui entreranno in funzione i nuovi varchi automatizzati. La nuova Ztl “ristretta” rispetta gli orari degli altri varchi romani, dalle 06.30 alle 19 dal lunedì al venerdì e dalle 10 alle 19 il sabato.Il perimetro della ZTL A1, rispetto a quello vigente fino ad oggi, è stato allargato per includere l'area tra via Ripetta e Passeggiata di Ripetta e la zona compresa tra via della Mercede e via del Tritone.  L’accesso e la sosta sono consentiti ai titolari di permesso/autorizzazione ZTL A1 e a tutte le categorie speciali come ad esempio, lavoratori notturni; auto a servizio di portatori di handicap; trasporto pubblico (taxi, bus, n.c.c.); veicoli per cerimonie religiose diretti ai luoghi di culto interni alla ZTL “A1”; Forze di Polizia e altre categorie. Un’altra novità fondamentale è che la limitazione si applica anche alle due ruote (moto e motorini) dei non residenti che, tranne alcune eccezioni riportate in delibera, rimangono fuori dalla ZTL “A1”. Quanto alla circolazione interna, le uniche due modifiche riguardano via del Gambero (con inversione del senso di marcia da San Silvestro a via Condotti) e il circolo via Propaganda - via dei Due Macelli - via Capo le Case (modificati i sensi di marcia per semplificare l'accesso e la realizzazione del varco elettronico).La sosta per i residenti è stata ottimizzata e, a fronte della perdita di 50 posti auto su via del Babuino, ne saranno riservati 280 tra via Ripetta, Passeggiata di Ripetta, lungotevere in Augusta, viale della Trinità dei Monti, piazza della Trinità dei Monti, via Gregoriana, viale Gabriele D’Annunzio e piazza Augusto Imperatore.L’intervento di riqualificazione su via del Babuino e le modifiche alla viabilità nell’area del Tridente Mediceo hanno avuto un costo di 1 milione e 744mila euro.La prima fase della pedonalizzazione è partita il 4 agosto con la chiusura completa al traffico di Piazza di Spagna, una porzione di piazza Mignanelli e via Condotti (tratto piazza di Spagna - via Mario de’ Fiori). L’intero progetto della nuova viabilità e valorizzazione del Tridente è il frutto di un percorso partecipato - partito il 10 febbraio e conclusosi con la riunione dell’8 ottobre scorso - che ha visto il Campidoglio dialogare con i residenti, le associazioni dei commercianti, le categorie particolari e i tecnici del comune.La storia della pedonalizzazione del Tridente Mediceo inizia nel 2002 con la Delibera n. 725 che istituiva all’interno della Zona a Traffico Limitato centrale un’ulteriore ZTL (denominata “A1”) che prevedeva maggiori limitazioni. Da lì ha preso le mosse la nascita di un’area pedonale (tra via di Ripetta, via Canova, via delle Colonnette, via della Frezza, piazza Augusto Imperatore, vicolo del Grottino, via del Corso, via delle Convertite, via della Mercede, via di Propaganda, piazza Mignanelli, rampa Mignanelli, vale Trinità de’ Monti, via Gabriele d’Annunzio e piazza del Popolo) con l’obiettivo di riqualificare gli ambiti di valore storico-monumentale e garantire una maggiore vivibilità e fruibilità del Centro Storico della Capitale, patrimonio mondiale dell’Unesco.