Notizie
Categorie: Nazionali - Under 15

Come corre il Frosinone: la capolista che non ti aspetti

I gialloblu di Carinci sono lanciatissimi, la Roma si conferma mentre la Lazio lo fa solo a metà. Bella risposta del Latina mentre per le due "Lupe" weekend da dimenticare



Terza giornata per i Giovanissimi Nazionali vissuta tra conferme, novità e qualche mancanza. Continua a stupire il Frosinone di Carinci, primo a punteggio pieno, la Roma di D'Andrea si conferma irraggiungibile per chiunque mentre frena la Lazio a cui stavolta è mancato qualcosa là davanti. Bella prova anche del Latina che si rialza dopo lo svarione di settimana scorsa a Trigoria.

Il Frosinone non smette di correre ©GazzettaRegionaleChi sale. Impossibile non citare il Frosinone. L'undici di Carinci centra il terzo successo in altrettante partite prendendosi la vetta solitaria della classifica. I gialloblu girano come un orologio svizzero e il 4-0 al L'Aquila ne è la prova. La squadra crea tanto e gioca un bel calcio, Pescosolido e De Florio ieri in questo senso sono stati determinanti, con un paio di elementi che ne stanno giovando. Le doppiette Giovannone e Altobello ne sono solo l'ultimo esempio. Occhio però a non adagiarsi sugli allori, per i gialloblu quello di ottobre sarà un mese di fuoco con le sfide a Pescara e Lazio. Conferme, se mai ne servissero, sono poi arrivate dalla Roma di D'Andrea. I giallorossi continuano a macinare avversari con una semplicità disarmante. Ieri è toccato alla Lupa Castelli Romani, in un match dove, oltre all'esordio del nuovo acquisto Cusumano, sono arrivati il primo gol di Semeraro e la doppietta di Bouah. Dimostrazione che l'undici giallorosso non vive sugli acuti dei soliti noti come Riccardi, ieri straripante, o Bamba. Note positive arrivano anche in casa Latina. I nerazzurri arrivavano al match contro la Lupa Roma dopo la pesante sconfitta subita a Trigoria. Prete e i suoi hanno dimostrato di sapersi rialzare con una partita controllata senza problemi con il gol del pareggio di Ferraro che poi ha sbloccato una formazione che nel finale è riuscita a dilagare con gli acuti di Raiola e Canestrelli.

Giornata da dimenticare per la Lupa Roma ©GazzettaRegionaleChi scende. Inutile dire che per Lupa Roma e Lupa Castelli Romani questo weekend sia completamente da dimenticare. Giornataccia infatti per le formazioni di Monaco e Di Julio che questa volta devono giustamente inchinarsi a degli avversari che hanno giocato decisamente meglio. Da rivedere anche la Lazio. Il pareggio contro una formazione come il Pescara è un risultato sicuramente positivo dato il valore dell'avversario ma a non convincere stavolta sono gli attaccanti. I biancocelesti di Ruggeri hanno creato diverse occasioni e, sinceramente, se due come Picchi e Nicodemo avessero mostrato un maggiore feeling con il gol probabilmente il risultato sarebbe stato ben diverso. Da questo punto di vista l'arrivo di Adusa (ancora out per questioni anagrafiche, ndr) sarà sicuramente determinante.

Francesco Altobello sta trascinando il FrosinoneProtagonisti. Due nomi su tutti: Bamba Mory e Francesco Altobello. Gli attaccanti di Roma e Frosinone continuano a brillare segnando gol a raffica. L'esterno giallorosso si ripete dopo l'esordio di settimana scorsa e sigla altri due gol dimostrandosi anche sul palcoscenico dei Nazionali come uno dei prospetti più interessanti del settore giovanile di Trigoria. Quattro reti in due partite, non male per un 2002. Stesso bottino anche per la punta del Frosinone. I gialloblu in estate lo hanno prelevato dall'Ancona bruciando la concorrenza di diverse big, scelta ripagata a pieno da un elemento sempre più protagonista. Menzione particolare la merita anche Vincenzo Raiola. Il genietto del Latina, preso dalla Scuola Calcio Azzurri in Campania, sta dimostrando di essersi ambientato in fretta. Il gol è solo l'ultimo guizzo di un giocatore che, pur mancando ancora della giusta fisicità, ha tutte le qualità tecniche necessarie per imporsi.