Notizie

Consiglieri del sindaco di Tivoli, si amplia la squadra

Amministrazione partecipata: affidati nuovi incarichi, ancora a titolo gratuito e volontario. A breve in Consiglio comunale il regolamento attuativo delle consulte



TivoliSi amplia la squadra dei consiglieri del sindaco. Ieri il primo cittadino ha firmato i decreti per nominare altri tre incaricati. Fabio Perna si occuperà di pianificazione patrimoniale e finanza derivata; Nello Rondoni, consigliere comunale, di edilizia privata; Moreno D’Ascenzi ha avuto l’incarico territoriale per il quartiere Braschi. All’assessore Pier Francesco Sciarretta è stata invece affidata una nuova delega assessorile: economia del ciclo dei rifiuti e dell’igiene urbana.  Nei giorni scorsi sono stati inoltre incaricati Giovanni Battista Nonni per l’informatizzazione interna dell’ente e Maria Fabiani per lo sportello Europa. In totale, a seguito dei decreti firmati lo scorso gennaio, e a quello affidato a marzo a Rodolfo Gaudio per il condono edilizio, gli incarichi di consiglieri del sindaco sono 38: 12 sono stati affidati a consiglieri comunali e 26 a cittadini esperti di materie specifiche o con particolari conoscenze del territorio.“Il modello innovativo che abbiamo introdotto, basato sulla trasparenza, la partecipazione e la condivisione delle attività – ha commentato il sindaco Giuseppe Proietti – ha dato finora ottimi risultati. Si sta rivelando molto importante il contributo che gli incaricati stanno portando all’azione di governo della città, sia per la conoscenza approfondita di tematiche particolari, sia per il rapporto con i cittadini, con le associazioni e i territori. Nel prossimo Consiglio comunale porteremo anche il regolamento attuativo della consulta delle associazioni e dei comitati di quartiere, in modo da completare l’assetto del nuovo modello di amministrazione che abbiamo introdotto”.

Tutti gli incaricati svolgono le proprie attività a supporto diretto del sindaco, a titolo volontario e gratuito. Svolgono attività propositiva, di studio, di collaborazione, di proposta, di consulenza e vigilanza nella materia specifica di competenza, riferendo direttamente al primo cittadino. Gli incarichi non comportano status, poteri, funzioni e prerogative dell’amministrazione comunale e in ogni caso non possono mai prevedere: vincoli di lavoro subordinato o di natura professionale o autonoma; vincoli di orario; esclusività della prestazione; esercizio di funzioni di governo, poteri di amministrazione e di firma. I consiglieri del sindaco non hanno diritto a indennità, compenso, rimborso spese e svolgono l’attività a titolo completamente gratuito e senza alcun costo o onere finanziario a carico del Comune.